Anonimo

chiede:

Buongiorno,
ho 34 anni, convivo da circa 1 anno e sono alla mia settima settimana di gravidanza.
Questa gravidanza non è stata cercata assiduamente, è capitata, con la
consapevolezza di entrambi.
Da quanto ho saputo di essere in gravidanza il mio umore è cambiato
notevolmente. Non riesco più a sorridere e a gioire, né in casa né fuori
casa.
Può essere che non mi senta sicura del mio compagno? Tra noi c’è una buona
sintonia, ma non ottima. Mi sento superficiale per aver fatto la scelta di
non usare più contraccettivi; non credevo in questa mia reazione ad una
possibile gravidanza.
Devo dire che inoltre queste settimane per me sono piuttosto dure.
Fisicamente avverto un forte stato di nausea tutto il giorno e mi sento
sempre affaticata.
Cosa devo fare? Riuscirò a portare avanti il mio rapporto e a costruire
una famiglia? Potrebbe trattarsi di una fase passeggera?
Grazie.

Gentile signora,
dalla sua lettera colgo molte perplessità e molte domande, sulla sua gravidanza, su di sè e sul suo rapporto di coppia. Generalmente la gravidanza è un momento estremamente delicato, sia per i significati profondi che racchiude, sia perchè, come nel suo caso, possono esserci fastidi di tipo fisico. E’ probabile che questa notizia l’abbia un po’ scossa e possa crearle dei dubbi, ritengo che sarebbe utile per lei riflettere su quali sono i timori più grandi e valutare quanto essi abbiano delle basi realistiche. Potrebbe esserle di sostegno, inoltre, fare dei colloqui con uno psicologo per esplorare i suoi vissuti e le sue perplessità, al fine di vivere più serenamente questo momento così importante.

La saluto cordialmente

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Psicologo