Anonimo

chiede:

Buonasera dottore, ho bisogno di un consulto per quanto riguarda l’efficacia contraccettiva della pillola Belara che assumo da circa 8 giorni. Ho avuto il ciclo il 22 ottobre (sera) ma la prima compressa l’ho assunta la sera del 24 (nel bugiardino c’è scritto che è possibile assumere la prima compressa anche dal 2° al 5° giorno). L’orario della prima assunzione è stato le 20.30 che nei giorni seguenti ho anticipato alle 20. In mezzo c’è stato anche il cambio d’ora. Nel bugiardino c’è scritto che se la prima compressa è assunta il 1° giorno di ciclo la contraccezione inizia fin da subito, se assunta dal 2° al 5° giorno per i primi 7 giorni non si è coperti e quindi usare altro metodo contraccettivo. La mia domanda è dunque: trascorsi i 7 giorni l’efficacia della pillola è garantita vero? il cambio d’orario non ha influito? Inoltre sto assumendo da un mese (ho quasi finito la cura) il medicinale lucen che da quel che so non interferisce, ma vorrei averne conferma. Mi è inoltre capitato 1 o 2 sere di assumere Riopan gel a distanza di mezzora dall’assunzione della pillola. Può avere interferito? Mi faccio molte domande anche per un altro motivo: finora, a parte qualche lieve mal di testa e pancia i primi giorni, e un episodio di spotting odierno, non ho avuto alcun altro sintomo da quando ho iniziato l’assunzione di Belara. Mi chiedevo quindi se la pillola stesse facendo effetto e se a partire da questa settimana potessi cominciare ad avere rapporti non protetti. Mi scuso, forse la domanda non è inerente in questo posto, ma non so a chi rivolgermi in questi giorni. Se ritenete inopportuno pubblicare la risposta qui vi ringrazierei se mi rispondeste ugualmente via e-mail. Vi ringrazio.

Redazione

Redazione

risponde:

Il problema principale è proprio lo scarso contatto con il ginecologo e il fatto che ci dica che non ha a chi rivolgersi. Ma dico: chi gliel’ha prescritta? È compito del medico o specialista prescrittore darle queste informazioni e soprattutto considerare il suo stato clinico e le terapie che sta effettuando. Perchè poi procrastinare al 3° giorno l’inizio della pillola quando si sa bene che si inizia il 1°? Qualsiasi farmaco preso molto vicino alla pillola, può interferire con il suo assorbimento e quindi è meglio far passare del tempo. Le pillole moderne, di qualunque tipo, Belara compresa, sono a basso dosaggio, quindi basta un niente per renderlo insufficiente. Se ha un suo ginecologo torni sicuramente da lui e gli spieghi bene quello che ha riferito a noi. In caso contrario continui fino alla fine della scatola e nel frattempo eviti rapporti liberi e faccia sicuramente una consulenza ginecologica: potrebbe considerare le altre vie di somministrazione, come il cerotto o l’ anello vaginale. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo