Corpo luteo emorragico: sintomi, cause e cura - GravidanzaOnline

Anonimo

chiede:

Buongiorno, mi chiamo Rosanna e sono una ragazza di 25 anni. Sono
un po’ in ansia in questi giorni perché 3 giorni fa ho avuto forti
dolori all’addome sia basso che alto con diarrea al 1 giorno della
comparsa dei dolori. Devo premettere che dal 1° giugno ho interrotto la
pillola dopo un anno e 2 mesi di assunzione e che non mi è ancora
arrivato il ciclo (la cui comparsa dovrebbe essere prevista per la fine di
giugno visto che l’ultimo è stato (con pillola) il 30 maggio). Adesso sono
preoccupata perché dopo questo dolore ho fatto una ecografia pelvica e il
dottore mia ha detto che ho una falda liquida nel douglas di 30×15 mm con
ovaio sx sede di formazione anecogena di 18mm di diametro max
verosimilmente riferibile a corpo luteo. Conclusioni diagnostiche: corpo
luteo emorragico. Mi aiutate per favore a capire?
Falda liquida e corpo luteo emorragico sono la stessa cosa?
Questo evento può essere successo a causa dell’interruzione della
pillola?
La mia preoccupazione è l’endometriosi. Può essere questo evento una fase
iniziale di questa malattia? Vi prego, se riuscite a rispondere alle mie
domande, ve ne sarei molto grata. Grazie!!

Redazione

Redazione

risponde:

Cara Rosanna, il corpo luteo è semplicemente la struttura che si sostituisce ad un follicolo dopo che è scoppiato (ovulazione).
La falda liquida nel Douglas è evenienza comunissima anche in soggetti sanissimi, ed è quasi la regola dopo lo scoppio di un follicolo, o dopo avere bevuto molta acqua e consiste nella raccolta di un trasudato o di sangue dietro l’utero.
Nella maggioranza dei casi un operatore esperto è in grado di distinguere fra un corpo luteo ed una cisti endometriosica, quindi non si preoccupi inutilmente.
Dopo la sospensione della pillola in alcuni casi, l’organismo ha qualche difficoltà nel riprendere in mano il controllo della situazione ormonale, con conseguenza di assenza di mestruazioni per un certo periodo, oppure, mestruazioni irregolari con sviluppo a volte di follicoli voluminosi responsabili, al momento dello “scoppio” ovulatorio, della fuoriuscita di discrete quantità di sangue in cavità peritoneale con conseguente dolore anche molto forte.
Direi che questo è quello che potrebbe esserLe successo. Nessun problema quindi, in quanto tale fenomeno si autolimita da solo.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo