Buone maniere... | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Buonasera. Mio figlio, di 4 anni e mezzo, è un bambino un po’ timido, ma abbastanza socievole. Purtroppo però non riesco a fargli capire che quando incontriamo, per strada o in qualche luogo pubblico, adulti che gli rivolgono delle domande o gli fanno i consueti complimenti, lui dovrebbe rispondere in modo educato. In genere si tratta di persone anziane che, visto il paese piccolo in cui abitiamo, si fermano a chiedere come si chiama o quanti anni ha o se gli piace andare a scuola e a tutti lui rispende con musi, grugniti, sbuffate di insofferenza o con il silenzio, facendomi sentire incredibilmente in imbarazzo. Ho provato a spiegargli che basta una semplice risposta educata, ho provato a sgridarlo e anche ad anticipare queste scene con raccomandazioni ad hoc, ma niente da fare. In genere lui mi risponde che non sa chi siano queste persone perciò non vuole rispondere. E pensare che con i vicini di casa è un tale chiacchierone…! Come posso fargli capire questa semplice regola di buona educazione? La ringrazio.

Cara mamma, la situazione che descrive con suo figlio è molto frequente, i bambini spesso, si intimidiscono davanti a persone che non conoscono e mascherano l’imbarazzo con comportamenti bruschi e “maleducati”. Non lo sgridi (soprattutto in presenza di altre persone), perchè questo rischia di rinforzare il suo disagio e quindi alimentare la chiusura. Può provare a proporgli intanto un sorriso quando incontrate qualcuno che non conosce e che lo saluta, magari chiedendogli se a lui dispiacerebbe se salutasse qualcuno che non lo guarda e non lo saluta; i bambini solitamente sono più sensibili quando si vedono direttamente coinvolti.
Vedrà che piano piano incoraggiando e rinforzando i progressi che fa, suo figlio si rasserenerà e saluterà con educazione.
Cordiali saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Psicologo