featured image

Stimolazione ovarica

Le fasi che sono implicate nell’esecuzione dell’inseminazione, indipendentemente dalla sede, sono le seguenti:

Stimolazione ovarica

Sebbene le varie metodiche possono essere effettuate anche su ciclo spontaneo, molti studi hanno dimostrato come l’induzione follicolare sia associata ad un pregnancy-rate più elevato. Tale dato è la risultante di una dimostrata qualità ovocitaria superiore, di un numero maggiore di follicoli con diametro superiore ai 16 mm, e per un riscontrato miglioramento dei rapporti fra tuba e ovaio corrispondente. I protocolli di stimolazione sono molteplici, comprendendo l’utilizzo del Clomifene Citrato (CC) e delle Gonadotropine Umane Menopausali (hMG: estratte da urine di donne in menopausa) o ricombinanti (FSH-r). Tutti questi protocolli tuttavia mirano ad avere uno o più follicoli con un diametro di 18 mm per poter indurre l’ovulazione mediante la somministrazione di 10000 UI di hCG e programmare l’inseminazione.

Monitoraggio della crescita follicolare e dello sviluppo dell’endometrio

Tale processo avviene mediante l’utilizzo di un ecografo dotato di sonda trans-vaginale e generalmente viene effettuato il 2° o 3° giorno del ciclo, quando cioè si inizia il protocollo di stimolazione. I monitoraggi seguenti mirano a valutare la risposta ovarica mediante la visualizzazione dei follicoli ed il rispettivo diametro per programmare l’inseminazione. La valutazione della rima endometriale indica non solo una sincronia con la funzione ovarica ma permette di ipotizzare la riuscita di un eventuale impianto.

Determinazione del timing dell’inseminazione

Il razionale del timing comporta la possibilità di avere gli spermatozoi nel tratto genitale femminile al momento dell’ovulazione. Vi sono molti metodi per individuare tale momento sia in cicli spontanei sia indotti, dalla valutazione della temperatura basale vaginale o rettale, alle caratteristiche del muco cervicale (Mucus Cervical Score), al dosaggio plasmatico od urinario del picco di LH.

Nei cicli stimolati, come già  detto, quando il monitoraggio ecografico ha messo in evidenza uno o più follicoli di 18 mm di diametro, si somministrano 10000UI di hCG i.m. per attendersi un’ovulazione mediamente dopo 34-36 ore.

Centro Sterilità e Fecondazione Assistita Università degli Studi di Perugia centrosterilita.it

condivisioni & piace a mamme