Colposcopia

Colposcopia

È l’esame che permette di visualizzare l’interno della vagina e il collo dell’utero.

A cosa serve

La colposcopia serve al ginecologo per individuare o escludere la presenza di zone che manifestino condizioni precancerose o cancerose allo stato iniziale nei tessuti della cervice. L’esame, inoltre, permette di analizzare attraverso l’utilizzo di alcune sostanze, lo stato della mucosa e di trovare le cause di eventuali infiammazioni. Può anche essere utilizzata per compiere un piccolo prelievo di tessuto (biopsia) che sarà poi sottoposto alle analisi di laboratorio; può servire anche per rendere più precisi i risultati del Pap-test.

Come si esegue

colposcopia

Si utilizza uno strumento chiamato colposcopio, cioè uno speciale microscopio che può ingrandire fino a 25 volte. Per eseguire questa analisi, il ginecologo introduce in vagina lo speculum, uno speciale divaricatore che ha la funzione di allargare la vagina e di facilitare l’esame, quindi, posiziona il colposcopio in modo da avere la visione migliore del collo uterino e della cervice. È una tecnica totalmente indolore e innocua che non ha controindicazioni.