Toxoplasma e Toxo-test

Il Toxoplasma Gondii e la Toxoplasmosi

Il Toxoplasma gondii è un piccolo microorganismo che vive all’interno delle cellule di altri organismi; nello specifico questo parassita si riproduce all’interno delle cellule dei felini (ad esempio gatti).
L’infezione, che nell’adulto non provoca che una lieve febbre, mal di gola ed ingrossamento dei linfonodi, è invece in grado di provocare serie conseguenze cliniche se congenita, contratta cioè dal feto durante la gravidanza.

Esami di laboratorio: il Toxo-Test

La condizione di immunità viene diagnosticata tramite il Toxo-test, come IgG presenti ed IgM assenti; in questo caso l’immunità si intende acquisita e non sono necessarie ulteriori indagini di laboratorio.

La condizione di IgG assenti ed IgM assenti indica invece che la donna non è mai stata contagiata e quindi non è protetta (IgG assenti o presenti in basse quantità) e non ha infezione in atto (IgM assenti): in questo caso il test va ripetuto ogni 4-6 settimane per monitorare l’assenza di contagio.

Nel caso in cui si osservi la presenza di anticorpi IgM è necessario eseguire ulteriori e più approfondite indagini (Test di conferma, Test della bassa avidità, Ricerca diretta).

Prevenzione della Toxoplasmosi

Un’importante misura preventiva consiste nel non assumere, durante la gravidanza, cibi poco cotti o carni crude: il congelamento a -20°C o la cottura ad almeno 66°C rende infatti non infettive le oocisti mature.

Altre misure sono rappresentate dal lavaggio delle mani prima di ogni pasto e dopo aver maneggiato carne cruda o uova, dal lavaggio sotto acqua corrente della verdura da consumare cruda, dall’utilizzo di guanti durante il giardinaggio, dalla disinfezione della lettiera del gatto.

Leggi anche => Infezioni a Trasmissione Materno – Fetale

Note: i valori di riferimento o “valori normali” possono subire variazioni a seconda del laboratorio in cui gli esami vengono eseguiti

condivisioni & piace a mamme