Esiste un legame tra placenta e malattie metaboliche del bimbo: le possibili cure

Lo studio condotto dai ricercatori dell'Anschutz Medical Campus dell'Università del Colorado ha scoperto un'associazione diretta tra la funzione placentare nelle donne in gravidanza e futuri disturbi metabolici nei bambini e negli adulti. Una scoperta che potrebbe portare a una nuova medicina personalizzata.

Uno studio condotto dai ricercatori dell’Anschutz Medical Campus dell’Università del Colorado ha messo in evidenza come il ruolo della placenta sia determinante per la salute futura dei bambini.

Il team di scienziati ha, infatti, scoperto un’associazione diretta tra la funzione placentare nelle donne in gravidanza e futuri disturbi metabolici nei bambini e negli adulti, una scoperta che potrebbe portare a un intervento e una diagnosi precoci della malattia.

Il ruolo della placenta sulla salute futura dei bambini, lo studio

Nel nuovo studio, pubblicato sulla rivista Diabetesil Dott.Thomas Jansson – professore di Ostetricia e Ginecologia presso la University of Colorado School of Medicine, nonché autore senior della ricerca – ha messo in chiaro come alcune delle malattie metaboliche nei bambini, quali per esempio, diabete di tipo 2, obesità e malattie cardiache, possono essere una conseguenza del ruolo che la placenta ha sul feto durante la gravidanza.

Il Dott. Jansson in merito allo studio ha dichiarato:

Sappiamo da tempo che molte delle principali malattie negli adulti come il diabete e le malattie cardiovascolari sono almeno in parte causate da problemi durante la vita fetale. È stato dimostrato, ad esempio, che il 50% di tutto il diabete di tipo 2 nei giovani adulti è causato dall’esposizione all’ambiente intrauterino nelle donne in gravidanza con obesità e/o diabete gestazionale.

Si è scoperto ancor di più sul ruolo che la placenta ha sulla salute futura del bambino. Infatti, insieme al Dott. Jansson, l’autore principale dell’articolo, la Dott.ssa Madeline Rose Keleher del Centro LEAD della Colorado School of Public Health, ha evidenziato le novità a tal riguardo riferendo:

Siamo i primi a scoprire associazioni tra funzione placentare e pressione sanguigna, grasso corporeo e livelli di trigliceridi nei bambini di età compresa tra 4-6 anni. Questi marcatori segnalano spesso rischi per future malattie cardiache, diabete e obesità.

Lo studio su 1.410 donne incinte e i risultati ottenuti sui neonati

I ricercatori hanno utilizzato lo studio di coorte pre-parto longitudinale osservando e analizzando un campione di 1.410 donne con gravidanze sane tra il 2010 e il 2014. Il team ha, successivamente, seguito i bambini nati da queste gravidanze per i primi 4-6 anni di vita.

La Dott.ssa Keleher ha spiegato come la particolarità dello studio risiede proprio nell’unicità del tempo: ovvero, il lasso di tempo in cui si sono effettuati i controlli non si è fermato alla sola gravidanza e ai neonati, bensì è continuato anche dopo, seguendo l’evoluzione dei bambini inizialmente nel loro primo anno di vita e, successivamente, nei primi 4-6 anni.

L’obiettivo, ha detto la Dott.ssa Keleher, è arrivare a seguire i bimbi sino al compimento degli 8-10 anni.

Dallo studio si è giunti alla consapevolezza che la proteina del recettore IGF-1 della placenta era associata ai trigliceridi sierici nei bambini. Questi ultimi potrebbero portare successivamente all’obesità o al diabete.

È stato dimostrato che altre proteine ​​nella placenta sono la causa dell’aumento del tessuto adiposo sulle braccia e sulle cosce dei bambini.

Intervenire sulla placenta con la medicina personalizzata

Un ambiente intrauterino sano è determinato, nella maggioranza, dalla placenta, che nutre il feto e lo protegge dal sistema immunitario della madre. Quindi, dei cambiamenti nella placenta come un’infiammazione o un elevato valore dell’insulina possono far insorgere con molta più facilità malattie metaboliche nel bambino anche in età adulta.

In conclusione, il Dott. Jansson ha dichiarato:

Se sappiamo che la placenta è alterata o modificata durante la gravidanza, possiamo progettare interventi per modulare quella funzione e diminuire il rischio per il feto.

Il trattamento delle donne incinte è sempre difficile, ma la placenta è accessibile mentre il feto è in gran parte inaccessibile. I risultati potrebbero alla fine portare a una sorta di medicina personalizzata che inizia prima della nascita.

Comprendere in anticipo i meccanismi che collegano la funzione placentare ai rischi di sviluppare malattie metaboliche nell’infanzia e in età adulta può offrire strade innovative alla scienza e alla medicina per prevenire molte malattie nelle prossime generazioni.

Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie