Il bebè impara a fare le 'faccine' già dal grembo materno! - GravidanzaOnLine

Sorrisi, linguacce, movimenti di sopracciglia, naso che si arriccia, manine che salutano. A quanto pare il bebè impara a fare le “faccine” già dal pancione della mamma. È come se il feto si stesse esercitando per farsi comprendere da mamma e papà una volta venuto al mondo.

Lo rivela uno studio condotto da Nadja Reissland della britannica Durham University con l’attenta osservazione di ecografie in 4D, attraverso le quali è possibile scattare le prime immagini del faccino del futuro bebè.

Secondo quanto riferito da BBC online, l’esperta ha osservato in tutto 15 feti (maschi e femmine) ed ha notato che tutti sono capaci di fare delle “faccine”, con espressioni sempre più eterogenee man mano che avanzano nello sviluppo.

Non è chiaro, spiega la ricercatrice, se le espressioni che assume il feto corrispondano a una reale sensazione fisica, oppure siano frutto di pose involontarie. Insomma, resta difficile dire se, per esempio, la “faccia da pianto” indichi che il feto stia provando effettivamente dolore.

È invece più verosimile che il piccolo stia “facendo le prove” per nascere, in modo da far percepire i propri bisogni ai genitori una volta nato. La complessità delle espressioni è associata infatti al grado di sviluppo cerebrale del feto.

Lo studio delle “faccine” potrebbe dunque essere utile per individuare anticipatamente problemi di sviluppo.

Articolo originale pubblicato il 10 giugno 2013

Categorie

  • Gravidanza