Anonimo

chiede:

Buongiorno. Io e mio marito stiamo cercando di avere un figlio ma visto il mio trascorso di anoressia nervosa (12 anni di amenorrea/mestruazioni grazie alla pillola) la mia ginecologa mi ha mandato al centro per la pma. Mentre facevo l’eco transvaginale la dott.ssa, in modo molto brusco, mi ha detto: “Ma nessuno le ha mai detto che ha l’utero piccolissimo?”. Le ho detto di no e le ho accennato il mio trascorso. Lei non ha detto niente e quando io le ho chiesto se si poteva risolvere mi ha dato una risposta evasiva. Noi nel referto ha scritto utero retroverso (mm 33*22* 30), involuto per amenorrea in passato – ovaio dx 32*22 e sinistro 24*18 – endometrio regolare. Nel referto dell’isteroscopia fatta il giorno prima dal suo collega c’è scritto canale cervicale regolare, cavità uterina regolare, endometrio regolare, osti tubarici visualizzati regolari. Mi domando come mai l’altro dottore non mi ha detto niente. E soprattutto è una cosa così grave o è risolvibile? L’appuntamento per il controllo ce l’ho i primi di maggio, la mia ginecologa che mi segue da anni mi ha detto “me lo aspettavo visto il tuo passato”, ma io sono preoccupata e vorrei avere qualche notizia perchè cercando qua e là non ho trovato niente e poi vatti a fidare di quello che trovi in internet. Mi scuso per la lunghezza della lettera ma la situazione è complessa e volevo essere la più chiara possibile. Grazie mille per la risposta che mi darete.

Redazione

Redazione

risponde:

È difficile purtroppo esprimere un parere circostanziato in maniera indiretta a riguardo della problematica che lei riferisce. L’ecografia è realmente l’esame principale per stabilire le dimensioni e la morfologia dell’utero.
In effetti 33 mm di lunghezza uterina sono un po’ pochi. Presumo ad ogni modo che il rapporto corpo collo sia soddisfacente e di tipo adulto.
Sarebbe anche opportuno conoscere lo stato dei suoi cicli attuali. Ci sono cicli spontanei? Le mestruazioni arrivano ogni mese?
Sicuramente il risultato normale della isteroscopia è confortante però occorre puntualizzare un po’ nel dettaglio le cose. Credo però che la problematica si possa risolvere.
Ne parli con calma con i medici che la seguono.
Un saluto

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo