Una gravidanza difficile | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Gentile dottore,
ho esposto nel dettaglio la mia esperienza di
gravidanza, ora conclusa, vorrei un suo parere, perchè il mio ginecolo mi ha
lasciato dicendomi che non ci sono certezze su quello che è successo,
l’importante è che si sia risolto.
Io volevo solo capire… è stata una
extrauterina risoltasi da sola?
21/12/2005 mestruazioni
23/01/2006 test gravidanza farmacia positivo
25/01/2006 test gravidanza farmacia positivo
27/01/2006 forti dolori lato sinistro e basso ventre, senso di nausa,
incapacità a stare in una posizione e camminare senza provare un dolore
forte e persistente.
Il medico di base consiglia di andare al pronto soccorso, dove viene
eseguita un’ecografia vaginale con il seguente responso “addominalgia in
gravida alla quinta settimana – in utero camera regolare – crl 4 mm, 5 w
BIF+- si ordina antispastico” Il dottore dice di prendere il Buscopan ma di
non preoccuparsi.
Compro il Buscopan ma non lo prendo, per timore che possa nuocere al
bambino, la sera e la notte i dolori continuano, alle 5 di mattina mi alzo,
giro per un’ora intorno alla tavola, finchè il dolore si placa.
28/01/2006 vado al lavoro, i dolori persistono ma in modo più sopportabile,
io attribuisco il tutto all’intestino, credo che sia un attacco di colite,
mi sembra che liberando l’intestino dal gas il dolore diminuisca.
29/01/2006 alla mattina il dolore c’è, latente, ma più sopportabile. Al
pomeriggio ritorna in maniera insopportabile, sudo, non so come, dove stare.
Alla sera diminuisce.
Dal 30/01/2006 al 15/02/2006. Niente di particolare da segnalare. I dolori
al basso ventre sono abbastanza costanti ma sopportabili, alcuni giorni più
forti, altri meno. Mi fa male il basso ventre quando mi siedo.
Il 16/02/2006 vado a fare l’ecografia ordinata dal consultorio. Esito :
camera gestazionale non visualizzata; Ovaio destro 22 mm, Ovaio Sinistro con
formazione cistica diametro 17 x 13 mm. La ginecologa mi dice che non c’è
più niente in ovaio, che se non ci fosse la prima ecografia, sembrerebbe che
la gravidanza non fosse quasi cominciata. Ordina controllo Bhcg per il
giorno successivo, da ripetersi dopo 3 gg. per escludere una gravidanza
extrauterina.
Il 17/02/2006 esame Bhcg dà il seguente esito: 13.075.
Il 18/02/2006 visita ginecologica, esito: utero regolare, di forma e volume
regolari con endometrio 12,5 mm. al cui interno non sono visualizzabili echi
riferibili a camera ovulare. Ovaio destro di volume normale con aspetti
funzionali. Ovaio sin regolare con follicolo diam 20,7 mm. Non falde nel
Douglas. Visita: No algia, nessuna perdita ematica.
Il 20/02/2006 esame Bhcg dà il seguente esito: 10.880.
Il 22/02/2006 esame Bhcg dà il seguente esito: 9.282.
Il 30/02/2006 cominciano a vedersi delle lievissime perdite ematiche
marroni, filamentose, che continuano per quattro giorni in modo
impercettibile.
Il 02/03/2006 alla mattina appena alzata svengo. Vado al pronto soccorso:
visita ginecologica con seguente responso: ” corpo dell’utero di volume
regolare, forma e consistenza regolari. Zone annessiali libere, non dolente.
Perdite ematiche scarse. Non falde nel Douglas.”
Alla sera si avvia il ciclo mestruale, anomalo, nel senso ci sono perdite
abbondanti con espulsione di frammenti di una certa consistenza, ma di
piccole dimensioni.
Il 05/03/2006 dopo 3 giorni di ciclo abbondante alla mattina esce un corpo
della dimensione di una noce allungata, con striature verdi, bordò e
marroni, che al tatto si decompone leggermente. Mi sembra che abbia qualche
filamento. Nel corso della giornata la mestruazione è ancora abbondante.
Il 06/03/2006 il ciclo continua in maniera abbondante e escono ancora
frammenti con una certa consistenza al tatto.
Visita ginecologica: visita: nella norma (mestruazioni). Utero regolare con
endometrio diam 3 mm. Ovaio regolare.
Oggi 07/03/2006 continuo a perdere dei frammenti di grandezza variabile e di
una certa consistenza.
La ringrazio tanto in anticipo.
Cordiali saluti.

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile signora,
potrebbero essere rimasti in cavità uterina microresidui ovulari. Quindi è indispensabile una eco TV a patto che sia eseguita con apparecchiatura ad altissima risoluzione e da un operatore veramente esperto. In base al risultato della eco si potrà decidere se effettuare anche una isteroscopia.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo