"Sono incinta e ho lo streptococco: qual è la giusta terapia?"

Margherita

chiede:

Salve, sono in gravidanza e come da protocollo ho fatto il tampone per lo streptococco che è risultato positivo. Sono un pochino preoccupata, la mia ginecologa mi ha tranquillizzato dicendomi che non è la fine del mondo e che basterà fare una terapia antibiotica durante il travaglio. Nel frattempo mi ha dato degli ovuli Macmiror complex per 10 gg.

Detto questo, dopo aver letto vari articoli sulla cosa, mi sembra di aver capito che le possibilità che il bambino possa contrarre qualche infezione alla nascita (ovviamente seguendo la terapia suddetta) siano molto remote, giusto? Ho letto che la terapia riduce l’incidenza di infezioni di 20 volte e che il rapporto è ridotto a 1 su 4000 (nel caso di contrazione di infezioni).

Per finire, nel caso si optasse per un cesareo, il rischio di contrarre eventuali infezioni sarebbe ridotto quasi allo zero o sbaglio? Grazie mille in anticipo per il riscontro. Cordialmente.

Dott. Luca Zurzolo

risponde:

Buongiorno Margherita, ha ragione la sua ginecologa. Faccia la terapia e non si preoccupi. Il taglio cesareo non è assolutamente proponibile nel suo caso.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo

Categorie