Sforzi e conseguenze in gravidanza | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Salve, sono alla
19a settimana di gravidanza e da una decina di giorni sono praticamente impossibilitata nei movimenti per via di dolori addominali. Premetto che fino a due settimane fa stavo benissimo, ma il 3 gennaio, mentre facevo le faccende domestiche ho avvertito, dapprima, un forte senso di stanchezza, poi forti dolori addominali che mi hanno costretta a stare immobile, nel letto, per circa 3 gg. Adesso riesco a fare solo brevi passeggiate (da casa mia a casa di mia madre, che è praticamente di fronte), ma non riesco più a piegarmi o ad abbassarmi, nè tanto meno a cucinare o fare servizi. Il ginecologo che mi stava seguendo si è rifiutato di anticipare la visita e mi ha consigliato, telefonicamente, di prendere la tachipirina. Ho preferito, invece, essere sottoposta alla visita di un altro ginecologo, che mi ha rassicurato sullo stato della bambina e dell’utero. Quest’ultimo non mi ha prescritto alcun farmaco, mi ha consigliato di stare a riposo e mi rassicurato sul fatto che i dolori sarebbero passati in 4/5 gg. Ad oggi, però, la mia condizione è quella su descritta. Mi chiedo se devo prepararmi a trascorrere i prossimi 4 mesi a letto e se devo temere un eventuale parto pre-termine. Ringrazio in anticipo per l’attenzione e il tempo dedicatomi. Cordialmente

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Giulia, dolori come quelli che descrive possono essere dovuti, semplificando, a:
– problematiche connesse alla colonna vertebrale, frequentissime in gravidanza
– contrazioni, durante le quali in genere l’addome si indurisce
– fattori che non hanno nulla a che vedere con la gravidanza ma che riguardano gli organi e le strutture addominali.
Purtroppo a distanza ed in base a ciò che mi scrive, non è possibile esprimere pareri circostanziati.
Ad ogni modo essendo normale l’utero, è probabile che i suoi fastidi derivino da problematiche inerenti la colonna vertebrale.
Un saluto

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo