Rottura acque prematura: cause e rischi - GravidanzaOnline

Rottura prematura delle acque

Anonimo

chiede:

Salve, sono Maria e ho 32 anni. Il giorno di Natale ho avuto la
rottura prematura delle acque; avevo appena concluso il quinto mese
di
gravidanza, 22 settimane, due giorni prima ho fatto l’ecografia
morfologica
e il mio bambino era in perfetta salute, nessun avviso di quello che
stava
per accadermi. Tre giorni dopo mi è stata effettuata la stimolazione
con
prostaglandine perchè il liquido amniotico non si era riformato e le
mie
condizioni di salute erano peggiorate. Voglio precisare che la mia non
è
stata una gravidanza normale. Appena saputo di essere incinta ho
avuto
minacce d’aborto in seguito ad un ematoma interno e ad un piccolo
distacco
di placenta; le analisi delle urine rivelavano sempre batteriuria ma
il mio
ginecologo diceva che è normale nelle donne gravide; ho avuto anche
un’infezione da candida, molto seria, ma sembrava essere stata
scongiurata;
gli ultimi dieci giorni ho anche sofferto di coliche renali, con
forti
contrazioni, ero ancora sotto terapia col cistalgan quando è successa
la
disgrazia. Tengo a precisare che avevo, anzi le ho ancora, delle
perdite
biancastre, dense e corpose a volte, a volte lattescenti, maleodoranti, ma
anche qui il dottore diceva che erano normali. Lo striscio fatto un
mese
prima ha rivelato presenza di batteri. Poiché mi è stata
diatermocoagulata
per ben due volte una piaghetta al collo dell’utero e circa 4 anni fa
mi è
stata effettuata una polipectomia sempre al collo dell’utero, vorrei
sapere
se questo può aver influito su ciò che è successo. Vorrei sapere
qual è la
causa di tutto, perchè è successo e soprattutto cosa debbo fare per
evitare
che, se mai avrò la forza di riprovare ad avere un bambino, questo
succeda
di nuovo. Grazie

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile signora Maria, purtroppo in questi casi è difficile porre una
diagnosi. Infatti troppe sono le cause coincidenti. Penso che, con ogni
probabilità, tutto sia partito dall’infezione vaginale e poi da una
amnionite (infiammazione dell’amnios). Per il futuro vi potrà essere
una normale gravidanza con buon esito solo se provvederà a guarire dai
mali presenti. Auguri

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo