Pillola contraccettiva e tiroide | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Salve, sono Rossella, seguo il vostro forum da qualche anno e avrei bisogno di un chiarimento già chiesto alla mia ginecologa ma la sua risposta non mi ha chiarito granché. Assumo loette da circa 2 anni come contraccettivo e come aiuto per il mio ciclo molto abbondante e
doloroso. La mia ginecologa mi consigliò una prima assunzione di circa 6
mesi e poi una sospensione dello stesso e le solite analisi di routine, le
stesse che feci anche il 1 mese. Le analisi del sangue e il dosaggio
ormonale erano normali. Preciso che continuai ad assumere loette senza
interruzione per mia scelta fino ad oggi. Circa 5 giorni fa ho fatto
analisi dettagliata della tiroide e mi è stato riscontrato un nodulo
solido rotondeggiante di 3 cm, sul quale devo ancora fare specifici
controlli. Mi chiedo in realtà se la pillola loette ha potuto esserne la
causa o se continuandola ad assumere possa ancora interferire con la
stessa tiroide. È il caso che la interrompa? Potete essermi di aiuto?
Confido in una vostra celere risposta e ringrazio.

Redazione

Redazione

risponde:

Cara Signora, può continuare tranquillamente ad assumere il contraccettivo che non è la causa della sua patologia tiroidea. Cordiali saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo