"Perdite ematiche marroni in gravidanza: cosa significano?" - GravidanzaOnLine

“Perdite ematiche marroni in gravidanza: cosa significano?”

Anonimo

chiede:

Egregi dottori, innanzitutto i miei complimenti per la professionalità con la quale rispondete a tutti i quesiti che vi vengono posti. Trovo il sito utilissimo, spesso mi ha chiarito le idee su tante cose. Ho 36 anni sono alla 24^ settimana di gestazione (u.m. 02/09/03) e non ho mai avuto alcun tipo di problema. In due occasioni, però, alla 12^ settimana e l’altro ieri, ho riscontrato un episodio di perdite ematiche marroni, senza dolore. In entrambe le volte sono andata all’ospedale dove mi hanno fatto una visita e l’ecografia. Non è stato riscontrato nulla di anomalo, non si sono evidenziati distacchi di placenta, il collo dell’utero è ben chiuso e la bambina sta bene. I ginecologi di turno mi hanno detto che potrebbe essere sangue proveniente da collo dell’utero, di non preoccuparmi ma cercare di condurre una vita tranquilla.

Mi domando cosa siano queste perdite ematiche a distanza di mesi una dall’altra, se c’è un pericolo reale e se il fatto di continuare a lavorare (in realtà faccio l’impiegata e passo quasi tutta la giornata seduta davanti ad un computer) possa avere qualche risvolto negativo per la gravidanza. Le faccio queste domande perché non ho avuto risposte chiare circa la provenienza di quel sangue e se sia, in qualche modo, rischioso. Vi ringrazio nuovamente per la gentilezza, la disponibilità e la professionalità con la quale, sempre, rispondete. Cordiali saluti.

Gentile Eva,
ha fatto bene a verificare che tutto sia a posto. Quindi queste scarse
perdite marroni non destano altri dubbi e possono essere considerate del
tutto aspecifiche. Consideri quante volte capita un sanguinamento delle
gengive, talvolta dal naso, da un brufolino e non per questo c’è una
patologia seria. L’utero e il collo dell’utero in particolare, in gravidanza
diventano particolarmente congesti per aumento della vascolarizzazione sia
arteriosa, sia venosa. Quindi una banale infiammazione temporanea, del tutto
possibile, è facile che possa causare scarse perdite ematiche, tanto scarse
da impiegare del tempo prima di venir fuori, ormai già “vecchie” e quindi
marroni. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo