Onfalocele - GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Gentili dottori, al bitest ho scoperto che il feto aveva un onfalocele gigante e ho dovuto rinunciare alla gravidanza, alla 14 esima settimana l’onfalocele aveva un diametro di 22 mm e il diametro dell’addome era di 18 mm, mi sono sottoposta alla villocentesi che ha escluso problemi cromosomici, insomma i medici dicono che è stata “solo” sfortuna. Adesso io e il mio compagno vorremmo provare ad avere un altro bambino, ma la mia paura è che uno di noi possa essere inconsapevolmente portatore sano di sindromi o malattie cromosomiche che non vengono rilevate dalla villocentesi. Mi consigliate delle analisi approfondite? Un’altra mia paura però è che, leggendo su internet, si può essere portatori di sindromi o malattie cromosomiche ma che esse potrebbero non manifestarsi per intere generazioni e che un eventuale risultato positivo possa bloccarci di fronte qualsiasi esito nonostante, mi ripeto, il fatto che tali malformazioni potrebbero non manifestarsi mai più. Io ho 33 anni e il mio compagno 36. Ho un altro dubbio: il mio compagno adesso sta prendendo dei blandi antidepressivi associati a melatonina perchè ha problemi di insonnia, questi medicinali potrebbero causare problemi? Voi cosa mi consigliate?
Grazie infinite

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Signora, per tranquillizzarsi ed avere ulteriori chiarimenti, consulti un genetista ed esegua insieme al suo compagno la mappa cromosomica. Nessun problema per i farmaci al quale lei fa riferimento. Per ulteriori chiarimenti farmacologici in gravidanza, consulti il

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo