Misura circonferenza cefalica - GravidanzaOnLine

Misura circonferenza cefalica

Anonimo

chiede:

Gentile dottore, sono alla 29 settimana di gestazione e sono ossessionata dalle misure del feto. Il penultimo controllo l’ho fatto alla 26+1 e il risultato dell’ecografia sono state queste misure: DBP: 64,3 mm; Femore: 49,7 mm; CC: 24,4 mm; CA: 22 mm. Secondo lei corrispondono a questa settimana di gestazione (26)? Dopo quindici giorni cioè alla 28+1 di gestazione ho dovuto fare una visita dal ginecologo nella quale mi è stato detto di avere il
collo dell’utero rammollito e quindi di dover prendere una compressa di vasosuprina al giorno. In questa occasione ho insistito per fare un’altra ecografia (quindi alla 28+1) nella quale però il ginecologo mi ha dato soltanto il DBP pari a 68 mm, e la misura del
femore pari a 52 mm omettendo la misura della CA e della CC penso
perché non è stato capace di prenderle in quanto il mio ginecologo non è un’ecografista (infatti faccio le ecografie da un medico che non è il mio ginecologo). La domanda è la seguente: soltanto attraverso la misura del BDP si può affermare che la CC sia cresciuta? E attraverso il femore la CA? Il mio ginecologo dice che nell’arco di queste due settimane di gestazione (dalla 26 alla 28) queste
due misure non aumentano. È vero? Ho paura soprattutto per le dimensione della testa. La prego, mi risponda al più presto possibile.

Redazione

Redazione

risponde:

Cara Maria Concetta, la valutazione del benessere e della normalità
fetale è cosa complessa e non è sufficiente esaminare in maniera
statica le varie misure.
Occorre seguire la curva di crescita sin dalle prime settimane,
unitamente ad una valutazione anatomica dettagliata. Fino alla 35 o 36
settimana, la crescita fetale predilige le ossa, ma questo
assolutamente non significa che non incrementino la circonferenza
addominale o le altre strutture. Ovviamente la circonferenza
addominale non può essere dedotta dalle misure del femore…
La circonferenza cranica è misura che integra il diametro biparietale.
Credo che dopo una ecografia sia compito del medico che esegue l’esame
fornire tutte le informazioni riguardanti il feto e la sua
crescita… forse potrebbe trovare utile alcune monografie che trattano
di ecografia e gravidanza e che sono fruibili su GOL.
Nel caso dovesse avere dubbi, esegua una ecografia di secondo livello,
chiedendo al medico tutte le informazioni che necessita. Da una eco di
secondo livello dovrebbero essere evidenti eventuali segni compatibili
con ritardo di crescita.
Un saluto

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo