Anonimo

chiede:

Buongiorno, ho avuto
l’ultimo ciclo mestruale il 13/09. Il 16/09 ho
effettuato il test di gravidanza che è risultato positivo. Da allora, ho
avuto ogni giorno
perdite ematiche di colore marrone scuro, talvolta rosso
più chiaro, ma
la mia ginecologa mi ha sempre rassicurata dicendomi che se
non erano
abbondanti erano del tutto normali. Due giorni fa ho avuto una
perdita
di sangue rosso vivo abbondante, simile a quelle di un normale ciclo
mestruale, dunque mi sono recata al pronto soccorso dove mi hanno
visitata e
fatto ecografia. Mi hanno detto che non si trattava di
minaccia di aborto, in quanto
sebbene ci fosse un sanguinamento in atto, la
camera gestazionale e il sacco
vitellino erano visibili e
apparentemente attaccati. Quello che ha destato
la (mia) preoccupazione
è che non si vedeva l’embrione, nonostante io mi
trovi ormai nella
settima settimana di gravidanza. Forse ciò può essere
causato da una
datazione sbagliata della gravidanza, poiché normalmente ho
cicli
irregolari che talvolta superano anche i 35 giorni. Al pronto soccorso
mi hanno detto che potrei essere indietro rispetto al previsto e di
ripetere
l’ecografia tra una settimana per verificare il progredire
della gravidanza.
Io però continuo ad avere perdite abbondanti di
sangue rosso vivo, con muco
e dolori addominali, quindi mi viene
naturale pensare al peggio in questa
situazione e la mia ginecologa non
è reperibile. Non so che cosa fare. Ho 27
anni, sono sana, è la prima
gravidanza e non ho mai avuto aborti prima. La
prego di rispondermi,
grazie.

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile signora, non le resta che seguire i consigli dei medici che l’hanno avuta in cura. Potrebbe trattarsi di una gravidanza in ritardo. Auguri

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo