"Come si diagnosticano i fibromi o i polipi uterini?"

Anonimo

chiede:

Salve dottore, per vedere e diagnosticare fibromi e/o polipi, è sufficiente una semplice ecografia o è necessaria l’isteroscopia diagnostica? Grazie

Salve signora. L’ecografia pelvica transvaginale è l’esame che permette di visualizzare l’apparato genitale femminile grazie a una sonda ecografica che viene introdotta nella cavità vaginale avvolta da un involucro sterile.

Proprio per l’intima vicinanza della sonda con le strutture genitali interne, quest’indagine consente di ottenere informazioni dettagliate sullo stato della vagina, dell’utero e delle ovaie, rendendo possibile valutare e diagnosticare eventuali problematiche: dalle cisti ovariche ai fibromi dell’utero, dalle malformazioni uterine alle lesioni neoplastiche.

Tuttavia, sebbene si tratti di una procedura dotata di grande accuratezza, una menzione particolare meritano miomi (o fibromi) e sospetti polipi che sarebbero presenti o aggettanti in cavità uterina. Quando si pone il sospetto di lesioni all’interno della cavità uterina, accade che per avere una conferma diagnostica si debba ricorrere all’isteroscopia, ovvero ad una procedura che permette, attraverso una telecamera nell’utero, di visualizzare la formazione e per tale motivo rappresenta la metodica ‘’gold standard’’ per la diagnosi di lesioni all’interno della cavità uterina.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo