Chiusura delle tube: dove? - GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Buongiorno. Ho 40 anni e 3 figli, di cui il più piccolo ha due anni e
mezzo. Ritenendo conclusa per me la “fase riproduttiva”, vorrei
sottopormi all’intervento di chiusura delle tube. Poiché ho una forte
resistenza psicologica nei confronti della spirale, sto prendendo
ininterrottamente la pillola progestinica cerazette da oltre sue anni.
Non mi da problemi (l’unica cosa è stata, finora, la totale assenza di
sanguinamenti: il primo, in due anni, è attualmente in corso). Ma mi
rifiuto di prendere la pillola a vita, e – rispetto agli altri metodi
anticoncezionali reversibili – è l’unica cosa che mi faccia sentire
davvero al sicuro da un’altra gravidanza. Ho provato ad informarmi
presso il primario dell’Ospedale della mia zona, ma mi ha detto che in
Italia si tratta di un intervento illegale, a meno che non venga
eseguito dopo un ennesimo cesareo e solo per tutelare la salute della
donna. Dovrei rivolgermi ad una clinica privata, ma i costi sono molto
alti e non posso permettermelo. Vorrei quindi sapere se, In Italia, vi
sono dei centri pubblici dove tale procedura venga effettuata. Mille
grazie.

Redazione

Redazione

risponde:

L’argomento è molto controverso. La procurata sterilizzazione è considerata
dalla legge italiana comunque una lesione personale gravissima e, pur
eseguita con tanto di consenso scritto da parte della paziente e del marito,
qualche volta ha esposto il ginecologo a procedimenti legali su denunzia da
parte della stessa paziente che aveva firmato il consenso. Questioni come
“non avevo capito bene”, “non mi era stato spiegato bene”, “non credevo
fosse irreversibile”, fino qualche volta a “non è vero che ho dato il mio
consenso”, sono tutte esperienze che spingono più di un ginecologo a
rifiutare tale intervento, quando non vi siano chiari segni che
controindicano una ulteriore gravidanza. Del resto io trovo terribilmente
paradossale l’avversione alla spirale e nel contempo la richiesta di un
intervento chirurgico di taglio cesareo al solo scopo di eseguire la
sterilizzazione tubarica, con tutti i rischi operatori, al cui confronto il
posizionamento di una spirale in pochi secondi e del tutto reversibile,
impallidisce. Ci pensi bene. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo