Zeno, significato e origine del nome

Scopriamo origine e significato del nome Zeno, il cui onomastico si celebra il 12 aprile.

Zeno continua il greco antico Ζήνων (Zénon), derivante da da Ζῆν (Zên), la forma accusativa del nome Zeus (ossia “di Zeus”, “relativo a Zeus”). In origine era, probabilmente, una forma abbreviata di vari nomi teoforici riferiti al dio greco Zeus, quali Zenodoto (“dato da Zeus”) o Zenodoro (“dono di Zeus”), Zenobio e Zenaide.

Il sui significato viene talvolta interpretato come “consacrato a Zeus”, oppure “sacerdote di Zeus”. Il nom era molto popolare in tempi antichi, e fu portato da un certo numero di personaggi storici, mentre nel nostro Paese è arrivato soprattutto attraverso due forme: Zeno, che continua direttamente il nominativo latino Zeno, e “Zenone” , che invece deriva da casi obliqui come Zenonis e Zenonem.

La sua diffusione si è avuta soprattutto per via del culto di vari santi, ma specialmente di san Zeno, patrono di Verona e di varie altre città, tanto che più della metà delle occorrenze del nome sono attestate in Veneto. A contribuire alla popolarità, inoltre, il romanzo dello scrittore Italo Svevo La coscienza di Zeno.

Negli ultimi anni il nome ha subito un vero e proprio balzo in Italia: nel 1999 c’erano solo 26 neonati chiamati così, mentre nel 2020 i bambini cui è stato attribuito il nome Zeno sono diventati 307.

L’onomastico si festeggia generalmente il 12 aprile (o il 21 maggio) in memoria di san Zeno, vescovo di Verona e martire sotto Gallieno.

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie