Nome molto diffuso in diversi Paesi, Teresa, secondo le fonti, risale al Medioevo, periodo in cui era perlopiù confinato nella penisola iberica, da dove, nel XVI secolo, si espane a macchia d’olio in tutto il mondo cristiano, grazie alla figura di santa Teresa d’Avila.

Nonostante la grande popolarità, però, l’origine di questo nome non è così chiara: spesso infatti si riconduce a Therasia, nome portato nel IV secolo dalla moglie barcellonese di san Paolino di Nola, anche se non ci sono reali certezze sulla veridicità di questa ipotesi; nebulosa, del resto, è anche l’etimologia: alcuni la fanno risalire a vari termini greci, come θέρος (théros, “estate”), θεριζω (therizo, “mietere”, “raccogliere”)[1][5], θηράω (thēráō, “cacciare”, quindi “cacciatrice”, da θήρ, thḗr, “bestia selvatica”). Altre versioni lo riconducono a nomi quali Tiresia, il noto indovino della mitologia greca, o Tarasio.

Piuttosto frequente anche l’accostamento a Thera o Therasia, nome di un’isola dell’arcipelago di Santorini nonché il vecchio nome dell’isola di Vulcano, di cui la già citata moglie di Paolino sarebbe stata originaria; si tratta però di etimologia popolare, visto che la donna era quasi certamente spagnola, probabilmente di Alcalá de Henares.

Infine, una terza fonte attribuisce al nome un’origine celtiberica, forse da un vocabolo riconducibile al protoceltico taratro, che significa “augurare”.

Più o meno come accade nel resto d’Europa, anche in Italia il nome si diffonde verso il 1630, dopo la canonizzazione della santa carmelitana, e per ben tre secoli resta uno dei nomi femminili più diffusi, benché nel ‘600 quella maggiormente attestata sia la forma Teresia.

Il picco si ha però soprattutto nel XIX secolo, quando Teresa diventa, dopo Maria, il nome scelto per le battezzate fiorentine dal 1815 al 1835. Negli Stati Uniti figura invece tra i cinquanta nomi femminili più usati tra il 1953 e il 1969.

Spesso usato in coppia con Maria, a formare Maria Teresa, nel 2019 il nome è stato scelto 355 bambine italiane. L’onomastico, come detto, si festeggia il 15 ottobre in onore di santa Teresa d’Avila, riformatrice del Carmelo, Madre delle Carmelitane Scalze e dei Carmelitani Scalzi, anch’essa Dottore della Chiesa e patrona degli scrittori cattolici.

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie