Ipomenorrea

Ipomenorrea

L’ipomenorrea è la condizione in cui il ciclo mestruale si presenta più scarso della norma (meno di 20 ml rispetto ai circa 35 ml di un flusso normale) e di breve durata. Se l’episodio è occasionale, il più delle volte è di marginale importanza, ma se è persistente e ripetuto, è necessario individuarne le cause. Talvolta nelle donne che hanno oltrepassato i 40 anni la mestruazione scarsa può preannunciare l’arrivo della menopausa.

=> Ciclo Mestruale, tutte le fasi

Cause

Spesso l’origine è da ricercarsi in una disfunzione ovarica o in malattie a carico dell’utero. Tra le disfunzioni ovariche ricordiamo soprattutto un’insufficiente produzione di ormoni estrogeni, i fenomeni regressivi a carico dell’ovaio in seguito a processi infiammatori e l’infantilismo ovarico. Sulla funzione ovarica possono poi riflettersi anche alterazioni endocrine ipofisarie o tiroidee. Quando la causa dell’ipomenorrea risiede nell’utero, entrano in gioco soprattutto le lesioni dell’endometrio in seguito a interventi operativi o processi infiammatori o per esiti cicatriziali (sinechie), oppure la diminuzione della sensibilità  dell’endometrio agli stimoli ovarici.

Terapia

L’ipomenorrea non rappresenta un disturbo grave: tuttavia non deve essere trascurata. La cura, come in tutti i disturbi della mestruazione, non deve essere diretta semplicemente a far scomparire il segno più evidente (cioè l’alterazione della mestruazione), ma deve essere indirizzata verso la causa prima che lo ha determinato: la regolarizzazione della mestruazione è possibile solo se diventa l’effetto della normalizzazione dei rapporti funzionali tra l’ipofisi, l’ovaio e l’utero.