Sei giunta alla

32ª settimana

Il bebè, nel corso dell’ultimo mese, ha guadagnato più di un chilogrammo di peso. Ciò è dovuto alla costituzione di nuovo tessuto muscolare, nonché all’inspessimento del grasso sottocutaneo. I primi capelli cominciano a crescere e le pieghe della pelle del viso sono quasi completamente distese.

immagine settimana 32
featured image trend

La mamma

MammaPiù si faranno sentire le contrazioni, più comincerai ad immaginare le tue possibili reazioni, quelle del tuo partner e anche quelle del tuo bimbo, di fronte ai veri e propri dolori preparto. Tranquillizzati, non sei la sola ad avere di questi pensieri! Sono queste, infatti, le domande che si pongono la maggior parte delle donne sul parto e sulla nascita da questo momento in poi:
Posso davvero considerarle doglie? Quando dovrei cominciare ad andare in ospedale? In che modo posso contare le contrazioni? Chi mi accompagnerà? Cosa dovrei mettere in valigia? Saranno molto forti i dolori?!
Rispondiamo all’ultima domanda con più esattezza. Circa il 10% delle donne vi diranno che i dolori da parto sono molto forti, mentre un altro 10% di donne vi risponderà di non avere provato dolore. Il resto, l’80%, si trova nel mezzo tra le parti. Bisognerebbe guardare, in realtà, a quella che è l’origine del dolore. Molte donne che hanno seguito, per esempio, corsi preparto, tendono a riportare esperienze di parto più positive rispetto a quelle che dei corsi non ne hanno mai sentito parlare. Infine la percezione del dolore nell’essere umano in genere risente di molti fattori individuali, come l’educazione, le paure, il vissuto di precedenti esperienze e quant’altro. Non a caso nel mondo animale, dove non vi sono gli stessi condizionamenti psicologici, si partorisce con maggior disinvoltura.

Il bebè

32a_settimanaQuesta settimana i movimenti del tuo bimbo raggiungeranno l’apice. D’ora in poi essi cambieranno in base alla quantità e alla qualità. Puoi divertirti a contare quante volte avverti i suoi movimenti, ma non lasciarti ossessionare da chi ti dice che deve muoversi in un modo invece che in un altro. Molte delle pieghe del viso stanno oramai scomparendo e sulla testolina potrebbero essere già presenti molti capelli. È incredibile quanto peso abbia potuto mettere recentemente. In realtà, dall’ultimo mese, il tuo bimbo ha guadagnato più di 1 kg, grazie al grasso ed al tessuto muscolare, raggiungendo complessivamente circa 2,1 kg di peso e 40 cm di lunghezza.

Gemelli

GemelliLa maggior parte dei bimbi trigemini, a questo punto della gravidanza, potrebbero essere già nati. Se non l’avete già fatto, è giunto il momento di pensare ad un aiuto concreto per il periodo post-parto. Rispetto alla vecchia figura della “mammana“, esistono figure professionali, che pur non essendo medici, sono altamente specializzate, le ostetriche; si tratta di persone qualificate in grado di aiutare la famiglia sia in casa che con i bimbi, come per esempio, suggerire alle neo mamme come attaccare il bimbo al seno per allattare (onde evitare la formazione di dolenti ragadi ai capezzoli), come misurare i pasti quando il bimbo succhia dal biberon o come cambiare le garze all’ombelico, come farlo dormire, come mantenere l’ambiente in cui dorme, come interpretare il suo pianto, l’igiene personale, dall’abbigliamento al bagnetto, ecc. Alcune di loro, dietro richiesta, trascorrono in casa anche la notte. Generalmente, figure di ostetriche esperte possono essere contattate anche attraverso l’ospedale stesso che vi fornisce tutte le spiegazioni in merito.
Con i gemelli, e ancor più se sono più di due, la vostra vita di coppia sarà messa a dura prova, sia nel fisico sia nella psiche. Le ore di sonno in cui avrete la fortuna di vedere tutti i gemelli che dormono saranno davvero poche. Comincia a pensare come organizzare queste fasi. L’ideale è suddividere i compiti fra mamma e papà e, se proprio non vogliono saperne di sincronizzarsi nel dormire e in tutte le attività, sarete costretti anche a dei turni, per poter riposare un po’. Ed è fondamentale che riposiate, o presto vi mancheranno le energie per continuare. Se potete avere un aiuto di qualche nonna, sorella, zia, non rifiutatelo: potreste pentirvene. Con una buona pianificazione di questa fase della vostra vita, l’idea di felicità che avevate nel cuore potrà realizzarsi.

Il papà

PapàSe hai scelto di non voler conoscere il sesso del tuo bambino, si potrebbe tentare di indovinare sulla base di antichi racconti e credenze o dare ascolto a qualche nonna, così potrai fantasticare con i nomi di maschietti e femminucce. Oppure, i tuoi amici e parenti potrebbero provare ad indovinare in base ad alcune teorie, anche abbastanza divertenti! Parrebbe, infatti, che un papà un po’ più nervoso, starebbe per avere una femminuccia. Un papà più rilassato, invece, dovrebbe avere un maschietto. Se il papà ha sempre tanti progetti, allora è facile che sia in arrivo un bebè. Se invece fa pochi progetti, allora sarà una bambina! Se hai messo chili quasi quanto la mamma, il fiocco sarà celeste, se sei rimasto dello stesso peso-forma, allora il fiocco sarà rosa! Dunque papà? Di che sesso sarà il tuo bebè?!!
IMPORTANTE: Ricorda che queste informazioni sono a carattere generale. Ogni gravidanza è diversa da un’altra, quindi per qualsiasi domanda, contatta il tuo medico curante.

condivisioni & piace a mamme