Ovaie policistiche e pillola

Salve, sono una ragazza di 23 anni, con il problema delle ovaie policistiche. Prendo la pillola da 5 anni senza interruzioni, è necessario smettere di prenderla per un certo periodo? Se non smetto avrò problemi quando vorrò avere un bambino? Prima di prendere la pillola stavo molto male, tanto da non riuscire a lavorare, se togliessi le cisti con un'operazione i miei problemi si risolverebbero? Grazie

Gentile Sara,
personalmente non condivido la terapia dell'ovaio micropolicistico con la
pillola per un periodo di tempo così lungo. Ammetto il suo uso per alcuni
mesi, ma poi occorre stabilire una strategia diversa, dopo approfondimento
della diagnosi. Infatti la sindrome dell'ovaio micropolicistico presenta
molteplici aspetti, diversi da paziente a paziente. Prendere la pillola per
5 anni, nel suo caso, significa solo accantonare il problema, a meno che non
le sia utile come anticoncezionale; ma anche in questo caso è bene
programmare delle sospensioni almeno ogni 2 anni. Circa la possibilità di un
intervento chirurgico le dico che non è possibile asportare le singole
cisti, in quanto sono piccolissime e numerosissime, e poi rappresentano per
lo più l'effetto e non la causa. Però è possibile realizzare per via
laparoscopica qualcosa di utile, al pari di quanto facevano i ginecologi
della passata generazione con la "resezione cuneiforme". Si rivolga ad un
ginecologo preparato e sensibile al suo problema o ad un centro ospedaliero
o universitario per una rivalutazione clinica del suo caso e per stabilire
l'esatta terapia. Cordiali saluti.