Long Covid nei bambini: i sintomi raramente persistono oltre le 12 settimane

Secondo una ricerca che ha analizzato i risultati di 14 studi internazionali, i sintomi legati all'infezione da Covid nei bambini raramente durano oltre le 12 settimane.

Secondo una revisione di 14 studi internazionali condotta dal Murdoch Children’s Research Institute (MCRI) sul Long Covid nei bambini, i sintomi del Covid-19 sui minori raramente persistono oltre le 12 settimane.

La revisione, pubblicata sul Pediatric Infectious Disease Journal, ha rilevato che gli studi esistenti sul Long Covid nei bambini hanno importanti limitazioni e alcuni non mostrano una differenza nei sintomi tra coloro che sono stati infettati dal Covid-19 e coloro che non ne sono stati infetti.

Long Covid nei bambini: i sintomi non persistono oltre le 12 settimane

La nuova ricerca condotta dal MCRI sui sintomi nel lungo periodo del Covid sui minori afferma anche che dopo 10 mesi in circolazione la variante Delta non aveva causato malattie più gravi nei bambini rispetto alle varianti precedenti e la maggior parte dei casi è rimasta asintomatica o ha presentato lievi sintomi.

Il Prof. Nigel Curtis, docente di malattie infettive pediatriche presso l’Università di Melbourne e capo delle malattie infettive presso il Royal Children’s Hospital, ha affermato:

Gli studi attuali mancano di una chiara definizione del caso e di dati relativi all’età, hanno tempi di follow-up variabili e si basano su sintomi riferiti da sé o dai genitori senza conferma di laboratorio. Un altro problema significativo è che molti studi hanno bassi tassi di risposta, il che significa che potrebbero sopravvalutare il rischio di un Long Covid.

Ma dalla ricerca si è evidenziato come i bambini con condizioni di salute preesistenti quali:

  • obesità;
  • malattie renali croniche;
  • malattie cardiovascolari;
  • disturbi immunitari.

Presentano un rischio pari a 25 volte in più di soffrire di sintomi gravi legati al Covid. Nel 5,1% dei casi i bambini hanno sofferto per l’infezione da Covid in modo grave, mentre lo 0,2% non ha avuto alcun disturbo compromettente.

Pfizer, entro l'anno via libera al vaccino Covid per i bambini dai 6 mesi ai 5 anni

L’analisi di 14 studi internazionali sulla durata dei sintomi Covid nei bimbi

L’analisi seguita dal MCRI ha analizzato 14 studi internazionali che hanno visto il coinvolgimento di 19.426 bambini che avevano riportato sintomi persistenti a seguito dell’infezione da Covid-19.

I sintomi più comuni dopo l’infezione acuta da Covid che sono stati segnalati da 4 a 12 settimane sono stati:

  1. mal di testa;
  2. affaticamento;
  3. disturbi del sonno;
  4. difficoltà di concentrazione;
  5. dolore addominale.

Il Prof. Curtis, ha dichiarato che il fatto che non ci siano molte prove che attestino il persistere dei sintomi Covid nei bambini per più di 12 settimane è rassicurante poiché questo sottolinea che il long Covid (ovvero i sintomi protratti nel lungo periodo come accade negli adulti) potrebbe essere una preoccupazione in meno nei bambini.

Il basso rischio rappresentato dalla malattia acuta significa che uno dei principali vantaggi della vaccinazione Covid di bambini e adolescenti potrebbe essere quello di proteggerli dal lungo Covid. Una determinazione accurata del rischio di long Covid in questa fascia di età è quindi cruciale nel dibattito sui rischi e sui benefici della vaccinazione.

Bambini e Covid: la maggior parte guarisce completamente ma è importante vaccinarli

Con la variante Delta sono necessari maggiori controlli anche per i bambini

La ricerca condotta sulla persistenza dei sintomi legati al Covid-19 nei bambini ha anche confermato, però, alcune sue lacune inerenti il ruolo della variante Delta nell’infezione da Covid nei minori.

Il Prof. Andrew Steer, co-presidente del gruppo di governance Covid-19 dell’MCRI, ha affermato in merito:

Sono necessari più dati per descrivere l’onere del Covid-19 nei bambini e negli adolescenti a seguito dell’emergere della variante Delta altamente trasmissibile e perché gli adulti hanno avuto la priorità per i vaccini.

Man mano che le restrizioni si attenuano e altri virus respiratori aumentano in circolazione, dobbiamo anche capire se la co-infezione con altri virus respiratori, come RSV o febbre, aumenta la gravità della malattia nei giovani.

La notizia positiva e che dovrebbe tranquillizzare i genitori di bambini e adolescenti è che l’infezione causata dalla variante Delta è rimasta asintomatica o lieve nella quasi totalità dei bambini.

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Bambino (1-6 anni)