Villocentesi: si rischia il distacco amniocoriale? - GravidanzaOnLine

“La villocentesi può causare un ematoma e un distacco amniocoriale?”

Anonimo

chiede:

Buongiorno, sono a 13 settimane +3 di gravidanza e qualche giorno fa ho avuto una forte emorragia (12+3). In pronto soccorso, tramite ecografia, hanno riscontrato un ematoma di 2 cm. Il bimbo ha battito e si muove. Mi hanno ricoverata e fatto una flebo di Tranex. Sono stata dimessa dopo 4 giorni senza perdite ematiche rosse, solo sporadiche piccole perdite marroni. La terapia prescritta è: progesterone e riposo assoluto per 15 giorni. Nei 4 giorni precedenti all’episodio di emoraggia avevo eseguito la villocentesi.
Nella carta di dimissione è stato indicato che l’area di distacco amniocoriale è anteriore e misura 34×6,9 mm; la placenta è posteriore.
Le mie domande:

  • Per l’epoca gestazionale in cui mi trovo è un’area di distacco estesa che può arrecare danni al bambino?
  • L’ematoma può essere dovuto alla villocentesi (a seguito della quale ho osservato il riposo prescritto di 4 giorni)?
  • Le perditine marroncine quasi acquose sono normali e per quanto tempo potrei averle?
  • L’area di distacco in assorbimento potrebbe essere nuovamente pervasa da sangue e quindi dar luogo a una conseguente emorragia?
  • Oltre al progesterone vi sono altri integratori utili a “riparare” meglio l’area di distacco?

La ringrazio

Buongiorno signora, provo a rispondere a tutte le sue domande. Un distacco parziale di quelle dimensioni di per sé non dà problemi al bambino, va solo controllato per appurare che non cresca nel tempo; l’ematoma può essere dovuto alla villocentesi che, infatti, è una procedura non esente da rischi e per questo motivo viene eseguita in casi selezionati. Le perdite quasi acquose indicano che ormai le secrezioni vaginali prevalgono sulle perdite di sangue, e che il tutto è quindi in risoluzione. Nuovi distacchi o l’ampliamento di quello in riassorbimento sono sempre possibili, e di conseguenza nuove perdite possono capitare: il progesterone è il tipo di cura più adatto in questi casi. Saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Rating: 1.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo

Categorie