Ventricolomegalia borderline: ogni quanto fare i controlli? | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Buongiorno, mi chiamo Federica, ho 34 anni, sono mamma di uno splendido bimbo di 4 anni e sono incinta al 5° mese di gravidanza. Anche questa gravidanza si è per ora svolta senza alcun problema. Ho fatto il bitest alla 13a settimana che mi dava rischio ridotto. Qualche giorno fa alla morfologica mi hanno confermato che tutti i parametri sono nella norma, fatta eccezione per i ventricoli cerebrali laterali con valori borderline: destro 10 mm e sinistro 9mm. A distanza di 2 giorni ho fatto una ecografia di II livello che ha confermato biometria fetale nella norma, idem morfologia fetale, inoltre: “cranio integro con regolare morfologia, strutture encefaliche simmetriche (nella linea mediana si visualizza la fessura interemisferica, il cavo del setto pellucido, i talami con disposizione ed ecostruttura normale). Entrambi i ventricoli laterali sono asimmetrici, di morfologia normale, occupati dai plessi corioidei di ecogenicità e disposizione regolare. Si segnala ventricolo cerebrale laterale destro di 9,7 mm. Atrio ventricolo cerebrale laterale sinistro di 7,4 mm. Si identifica il corpo calloso. Diametro longitudinale 24 mm (70° percentile). Cervelletto disposizione normale per entrambi gli emisferi e il verme diametro cranio-caudale di 11,5 mm (50° percentile). Si identificano il 3 e 4 ventricolo senza dilatazione significativa. L’ecogenicità di entrambi gli emisferi è omogenea, senza identificazione di aree cistiche o iperecogene. Lo spazio sub-aracnoideo ha caratteristiche normali”. Mi hanno fatto fare lo screening infettivologico, di cui avrò a breve i risultati e che comunque tengo sotto controllo ogni mese e per ora è sempre negativo (non ho mai contratto né toxo né citomegalovirus, rosolia già fatta parecchi anni fa). Mi hanno detto di tornare tra 4 settimane per una nuova eco di II livello per controllare che i valori dei ventricoli non crescano. Come si può immaginare, mi è difficile stare tranquilla in attesa per un mese e vi chiedo se potrebbe avere senso prenotare una ecografia di II livello privatamente a metà strada, tra un paio di settimane, per verificare l’andamento dei ventricoli in itinere. Se vedessi che il valore non è cresciuto sarei più tranquilla, ma vorrei sapere se effettivamente ha un senso la misurazione presa a 2 settimane di distanza da questa. Grazie

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Federica,vedo una descrizione molto dettagliata dell’estremo cefalico del feto e quindi immagino che l’esame sia stato fatto molto bene. Non vi sono valori patologici, ma solo borderline. Quindi è sufficiente seguire i suggerimenti dati. Poi se ci si fa prendere dal panico non basta un’ecografia al giorno. Ogni giorno può essere quello in cui i diametri aumentano. Cerchi di pensare positivo. Poi se proprio non ce la fa, è libera di fare tutti gli esami che vuole. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo