Anonimo

chiede:

Buongiorno,
sono alla 21.ma settimana della mia seconda gravidanza. La prima
si è
conclusa un anno fa alla 34° settimana con TC per una forma seria di
preeclampsia. Fortunatamente, la bimba è nata sana, ma di peso basso
(1550
gr). Ora, la mia ginecologa insiste molto nel farmi seguire
una terapia di
eparina (Clexane 4000); la sto seguendo dall’inizio
di maggio, ma faccio
sempre più fatica; sono piena di lividi… Non
ci sono mutazioni di fattori
coagulativi, solo un leggero deficit di
proteina S, compensata però dalla
proteina C (50 per la S; 150 per
la C). Alla morfologica, mi è stato detto
che il profilo
velocimetrico di entrambe le arterie uterine è regolare con
R.I.
nella norma. Potrei, per qualche tempo, sospendere la terapia di
eparina, oppure, dati i trascorsi, ho ancora un alto rischio di
sviluppare
la gestosi? Un’ultima domanda: mi hanno trovato leucociti
e sangue nelle
urine, mi hanno detto che si tratta di cistite: può
essere pericolosa per
il bambino? Ho eseguito un’urocoltura, i cui
risultati non sono ancora
pronti. Vi ringrazio per la risposta.
Cordialmente.

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Laura, difficile dare una risposta al suo quesito, ma mi pare
che la terapia vada nella giusta direzione, anche se la preeclampia non
potrebbe più ripresentarsi. La cistite infine deve essere curata, ma non
è pericolosa per il feto. Auguri

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo