Antonella

chiede:

Salve! Ho pensato di scrivere questa domanda perché ho dei problemi di concepimento e vorrei esporre questo mio problema al team di esperti del sito GravidanzaOnLine; spero di poter trovare le risposte alle domande che mi pongo da qualche tempo. Inizio subito a parlare del mio problema: ho 40 anni e da tre anni cerco una gravidanza che purtroppo non arriva.

Nel 2010 ho avuto una prima gravidanza che è arrivata subito e ho partorito un bel bambino, durante questa gravidanza non ho avuto nessun tipo di problema di salute. Durante la mia vita non ho mai avuto problemi rilevanti per quanto riguarda la salute. Però, quando ero adolescente mi è stato diagnosticato l’eczema e crescendo non si è più manifestato, solo da qualche anno ho notato delle piccole chiazze sul cuoio capelluto. In questi tre anni di ricerca della seconda gravidanza, accorgendomi che la gravidanza non arrivava, ho iniziato a fare degli esami del sangue e nessun medico riusciva a capire che tipo di problema potessi avere: a livello anatomico e funzionale ho fatto diverse ecografie, anche con ginecologi diversi, e tutti mi hanno confermato che non risultano esserci problemi.

Ho approfondito alcuni esami consultando un ematologo e da tutto questo è emerso che ho livelli di IgG e IgM alti, risultano presenti in circolo anche le catene Kappa e Lambda degli anticorpi, risulto positiva alle IgG per il Citomegalovirus e nel quadro sieroproteico risulta leggermente più alta la sieroproteina Gamma. Ho fatto altri tipi di esami più specifici, tra questi ANA (il cui valore è positivo), ENA ed esami sia per la tiroidite che esami per la celiachia. Dai risultati di questi esami e consultando un reumatologo mi è stata diagnosticata una malattia autoimmune: la Sindrome di Sjogren.

Dal mese di ottobre 2019 la terapia che sto seguendo è quella con il farmaco a base del principio attivo Idrossiclorochina Solfato. Le domande che mi pongo e a cui spero qualcuno degli esperti potrà darmi una risposta, o consigliarmi altri esami clinici, o una terapia da seguire o altro, sono: potrei avere una seconda gravidanza nonostante la Sindrome di Sjogren? La presenza di immunoglobuline può costituire un “ostacolo” per una futura gravidanza? Esiste qualche terapia “specifica” per le donne con problemi immunologici che cercano una gravidanza? Ringrazio per l’attenzione e colgo l’occasione per porgere a tutto il team i miei più cordiali saluti.

Dott. Luca Zurzolo

Dott. Luca Zurzolo

risponde:

Gentile signora, il quadro immunologico e reumatologico che presenta depone per la presenza di autoimmunità: questo tipo di profilo clinico non è inusuale e può determinare difficoltà nel concepimento o aborti nel primo trimestre. Tuttavia non è impossibile ottenere e portare a termine una gravidanza: è opportuno concordare in fase preconcezionale una terapia con il ginecologo ed il reumatologo al fine di “limitare” gli effetti autoimmuni sul feto. Cordiali Saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo

Categorie