Patologia della megavescica - GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Gentilissimo dottore,
volevo chiederle se è possibile diagnosticare in un feto, già alla 10 settimana di gravidanza, la patologia della megavescica. Il feto è lungo 29 mm e la cisti (o presunta vescica) 5 mm. Vorrei inoltre sapere in che modo si potrà intervenire se la diagnosi verrà confermata. La ringrazio anticipatamente e Le porgo distinti saluti.

Redazione

Redazione

risponde:

Una vescica di dimensioni aumentate, può essere dovuta a svariate cause sia isolate che associate a sindromi, o cromosomopatie. Esiste una ampia variabilità individuale e quindi occorre molta prudenza, soprattutto in fase precoce, nella diagnosi. Occorre effettuare ripetuti controlli per valutare le fasi di riempimento e svuotamento vescicale ed esaminare attentamente tutta la anatomia ecografica. In caso di diagnosi confermata o fortemente sospetta, può essere indicata un prelievo dei villi per escludere anomalie cromosomiche.
Sempre in presenza di reale megavescica, occorre controllare strettamente il feto nel corso della gravidanza per accorgersi di eventuali dilatazioni delle vie urinarie o di variazioni significative del liquido amniotico. Solo in casi selezionati ed in centri specializzati, si può optare a volte per inserimento di shunt di drenaggio fetali. Ad ogni modo può essere prematuro considerare tutto ciò. Esegua ulteriori controlli e se vuole mi tenga informato.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo