Mio marito è ossessionato dal porno! | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Buongiorno dott.ssa, non ce la faccio più. Sono sposata da quasi 5 anni e sin da subito mi sono accorta della sua mania per i filmini porno. All’inizio mi dava molto fastidio soprattutto perché sono rimasta subito incinta e pensavo che lui provasse più piacere a guardarli e a masturbarsi perché potevo fargli schifo… ma la cosa è continuata anche dopo il parto e ancora ora. Lui crede di farmi fessa nonostante io l’abbia smascherato più di una volta… l’ho beccato a farsi nuovi account su facebook per trovare gente che pubblicasse qualcosa di hot e ahimè… anche qualche messaggio dove lui chiedeva a qualcuna se era disposta d farsi vedere nuda in cam, però con la differenza che lui non voleva farsi vedere. Ma nonostante l’evidenza dei fatti, lui ha sempre negato. Io sono disperata, non so più che fare… posso capire se capita ogni tanto visto che la maggior parte degli uomini lo fa, ma non quando hanno accanto una donna che è sempre disposta e pronta a farlo per il suo piacere… e con questo intendo che facciamo di tutto, sono molto disinibita con lui… manca solo che mi chieda un manage a trois e poi chiudo definitivamente… la prego di aiutarmi.

Salve, da quanto racconta, sembra che il problema tra lei e suo marito sia la sua dipendenza dal sesso virtuale, credo però che quello sia l’effetto e non la causa.
Da quanto racconta, quando è rimasta incinta si è data come spiegazione “che lui provasse più piacere a guardarli e a masturbarsi perché potevo fargli schifo”… mentre oggi si dimostra “sempre pronta a farlo per il suo piacere”. Coglie che da quanto dice non emerge nessun contenuto affettivo? Com’è il vostro rapporto di coppia? Si è mai chiesta se è felice e appagata sentimentalmente? E lui? Sarebbe utile che parlaste dei vostri sentimenti, delle mancanze che sentite nel vostro rapporto, mettendovi in discussione e condividendo problemi che forse non avete mai affrontato direttamente nel corso della vostra vita insieme.
Non è una caccia al colpevole, ma è fondamentale ricucire la complicità, la fiducia e la stima reciproca. L’alleanza e la forza del rapporto devono essere cementati con la sessualità e non fondarsi su di essa sennò il rischio è, come nel suo caso, che nonostante una grande disinibizione, al di fuori ci siano insoddisfazioni non dette o non comprese. Può valutare anche la possibilità di parlarne con un terapeuta di coppia.

Cordiali saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Psicologo