Percentile: i valori di riferimento - GravidanzaOnline

Anonimo

chiede:

Buongiorno, vi scrivo in quanto avrei bisogno di alcuni chiarimenti in merito ai risultati dell’ultima ecografia effettuata alla
35settimana+3, in quanto nessuno ha mai avuto il tempo di farlo. Mi sono sempre state
date risposte frettolose e mai precise, di conseguenza confido nel Vostro
aiuto. I dati biometrici del bambino sono: DBP 88 (rif. pc 95), CC 319 ( rif. pc 97), DTC 38 (rif. pc 90), Trigoni 5 (rif. pc 90), CA 311 (rif. pc. 95), Femore 69 (rif. pc 95), Omero 60 (rif. pc 95)-peso stimato CC/CA 2537. Mi può indicare se questi parametri sono “normali” e cosa indica esattamente
il riferimento percentile? È possibile sapere il riferimento minimo e massimo percentile per ogni dato biometrico? Mi è stato altresì detto che a partire dalla 15 settimana è impossibile calcolare la lunghezza del feto, ma non capisco come mai altre amiche in gravidanza sia sempre stata comunicata anche la lunghezza? Ringrazio vivamente per l’attenzione e confido in una Vostra risposta.

Il discorso può divenire complicato, quanto, mi perdoni, inutile e questo
forse spiega l’atteggiamento dei curanti cui ha posto queste domande. Le
dico che noi consideriamo normali valori fra il 5° e il 95° percentile, ma
non per questo valori che li superano sono necessariamente indice di
problemi. Voglio dire che la valutazione deve essere complessiva e
soprattutto in relazione alla reale epoca gestazionale, della cui precisione
nel suo caso non abbiamo la conferma. Comunque eccoli qui: per ogni valore
le do in sequenza il 5°, il 50° e il 95° percentile per 35 settimane: DBP
83-88-93; CC 295-312-329; CA 276-304-332; DTC 35-39-43; Femore 62-67-71;
Omero 54-59-64. Le preciso che si tratta delle MIE tabelle e che possono
esservene delle altre ugualmente valide. Dal confronto con i suoi dati
onestamente vedo che i suoi parametri sono molto vicini al 50° percentile e
cioè pressoché perfetti. Quindi lasci stare se un computer zelante le ha
riportato questi riferimenti come all’estremo delle curve. Per la lunghezza
del feto dopo le 15 settimane, di sicuro non è possibile misurarla, perché
il feto non si mette mai “in piedi” e giace in posizione, appunto, “fetale”,
arrotolato su se stesso, con i piedini che spesso sono vicino alla testa.
Alcuni colleghi tuttavia, per soddisfare la curiosità delle pazienti, invece
di spiegare che non è possibile deludendole, fanno prima a dire un dato
approssimativo, estrapolato alla meglio dagli altri diametri. È un po’ una
presa in giro. Magari non glielo dica alle sue amiche :-). Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo