Intervento su utero subsetto: quando farlo - GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Buonasera, spiego in breve la mia situazione. Abbiamo provato a concepire per circa un anno, poi abbiamo iniziato a fare degli accertamenti. Il mio problema era la prolattina alta, che sto tuttora tenendo sotto controllo con il Dostinex. È stata inoltre riscontrata una brutta infertilità maschile. Avevano già trovato la presenza di un utero subsetto ma abbiamo deciso comunque di proseguire con un primo ciclo di procreazione medicalmente assistita andata purtroppo male. Ho poi ho approfondito il discorso dell’utero subsetto con isteroscopia e ecografia in 3D: è risultato di 7 mm con angolo compreso tra osti tubarici e apice del setto di 100^, distanza tra linea intertubarica e sierosa del fondo di 12mm; sul fondo dell’utero è presente una incisura inferiore a 10 mm. Ora tutto sta nel decidere se affrontare l’intervento. La mia ginecologa e la ginecologa che ci segue per la PMA hanno detto che si potrebbe procedere anche senza. Lei cosa mi consiglia? Grazie in anticipo e cordiali saluti.

Buongiorno signora, se consideriamo il fatto che, ormai il sub-setto si opera in ambulatorio senza sedazione e con un minimo o nessun discomfort, io lo opererei. Sarebbe inoltre breve anche il tempo di attesa fra la cicatrizzazione dei tessuti e la ripresa delle tecniche di PMA. Saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo