Fase luteale corta e allattamento

Elena

chiede:

Buonasera Dottore.
Ho partorito a gennaio e da luglio siamo alla ricerca di una nuova gravidanza. Allattando non ho ancora avuto il capoparto, nonostante ciò ho monitorato ogni giorno con Stick per non lasciarmi sfuggire un’eventuale ovulazione.
Finalmente il 14 /15/16 ottobre Stick super positivo. Dolori fortissimi alle ovaie e muco filante. Ottimo, ho pensato. Abbiamo avuto rapporti miratissimi. I dolori sono continuati fino a che il 20 ottobre ho trovato nella carta igienica una macchia rossiccia marroncina di muco, poi più nulla e alla sera sempre nella carta igienica, pulendomi, ho trovato del sangue vivo. Due goccine nel salvaslip il giorno seguente e poi tutto finito.
Andandosene le perdite sono andate via anche i dolori mestruali. Ho diverse domande da porle:
1) queste perdite trovate nella carta igienica posso considerarlo capoparto?
2) Ma soprattutto posso avere avuto il ciclo a soli 5/6 giorni dall’ovulazione e avere avuto una fase luteale così breve?
3) Se non è capoparto, cosa è allora?
La ringrazio infinitamente in anticipo.

Gentile Elena,
se devo essere sincero non lo so. Soprattutto non riesco a capire l’utilità di stabilire tutto questo. Il capoparto arriverà dopo l’ovulazione, almeno 15 giorni dopo, oppure non arriverà e avrà la gravidanza senza vederlo.
Poi tutto è possibile: che abbia beccato il capoparto, che abbia ovulato, che non sia accaduto nulla. Inoltre se sta allattando, gli alti livelli di prolattina ostacolano una regolare ovulazione e di conseguenza le perdite di muco e/o sangue possono essere le più varie.
In conclusione: ma proprio non può avere una regolare vita spontanea sessuale di coppia e attendere che la natura faccia il suo corso?
Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo