Anonimo

chiede:

Buonasera,
mi chiamo Luisa, ho 38 anni e sono reduce da due aborti e un parto
prematuro alla 25 settimana di gestazione.
Ho fatte diverse analisi per lo screening della poliabortività dalle quali
sono risultate diverse mutazioni genetiche e una diagnosi di
ipofibrinolisi congenita
Ho inoltre una alta resistenza delle arterie uterine che però secondo il
ginecologo non hanno valore al di fuori della gravidanza
Di seguito invio referto dell’esame istologico della placenta per il quale
vorrei possibilmente sapere in termini semplici cosa è stato riscontrato:
Esame Macroscopico:
Disco placentare di cm 14 x L 12 con cordone ad inserzione paracentrale di cm 17.
Esame Microscopico:
maturazione dei villi coriali compatibile con III trimestre di età
gestazionale.
Emorragia inter e Perivillosa.
Congestione dei vasi dei villi.
Fibrina inter e Perivillosa.
Necrosi fibrinoide dei villi.
Cordone a 3 vasi.
In attesa di un vs riscontro,
cordiali saluti

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Luisa, con ogni probabilità le alterazioni coagulative hanno avuto ruolo determinante come causa di aborto. In caso di nuova gravidanza, ne parli accuratamente con il suo medico per instaurare una idonea terapia onde ridurre i rischi per successivi aborti.
Un saluto

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo