Anonimo

chiede:

A 32+5 settimane sono stata sottoposta a normale eco. I risultati non sono stati quelli previsti, nel senso che le dimensioni fetali sono nei limiti inferiori della norma per l’epoca (mentre sia alla prima che alla morfologica le dimensioni si collocavano esattamente al 50° percentile). In particolare i valori sono i seguenti: DBP 80 mm, femore 61 mm, CA 265 mm, trigoni 6 mm, CC 292, omero 54, peso 1750 gr. Lo studio anatomico è tutto nella norma. Sono stata immediatamente sottoposta a flussimetria materno fetale con i seguenti risultati (giudicati stavolta nella norma) Uterina dx 0,51,
uterina sx 0,68, PI omb. 2,10, PI ACM 1,16. Ora sono piuttosto preoccupata, devo ripetere l’eco a distanza di due settimane e la ginecologa mi ha preavvisata che se la situazione peggiora è meglio procedere con un cesareo. Le mie domande sono: i valori suindicati sono molto critici? Inoltre potrebbero essere indicativi di un danno cromosomico (ho 34 anni e non ho fatto amniocentesi), evidenziatosi solo nell’ultimo trimestre? (le prime due ecografie erano completamente regolari).

Cara Simona,
è utile ripetere un ecografia a distanza di 2 settimane per valutare la
crescita fetale e una ulteriore flussimetria sarà utile per lo studio della
funzionalità placentare.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo