Anonimo

chiede:

Salve, le scrivo per una domanda un po’ imbarazzante. Ho 28 anni e questa è la mia seconda gravidanza, la prima purtroppo si è conclusa con un parto molto prematuro e poi il decesso neonatale (ero di 25 settimane). Da premettere che tutta la gravidanza è stata un po’ a rischio e non mi sono mai sentita molto bene. Ora sono di 12 settimane e la mia ginecologa mi vuole fare il cerchiaggio preventivo, mi è stato detto che dovrò fare riposo e non potremo avere rapporti, il mio dubbio è, come rapporti si intende completi, e cioè con penetrazione, o in generale non mi è consentito avere orgasmi perché ciò potrebbe causare l’innesco delle contrazioni? Grazie dell’attenzione

Redazione

Redazione

risponde:

La sua è invece una domanda frequente. L’orgasmo e la penetrazione provocano un bel po’ di contrazioni di tutto il fisico e una certa sollecitazione anche della sfera genitale. Non è tuttavia vietato in gravidanza, ma quando è tutto fisiologico, senza fattori di rischio aggiuntivo. Ora non è che i rapporti in casi a rischio provochino sempre l’aborto, perché, capirà, in questo caso sarebbe una strage. Le donne non sempre ascoltano i nostri divieti e non per questo poi le cose si mettono male. Si tratterebbe di una forma di prudenza, un calcolo delle priorità, del tipo: cosa è più importante, avere una penetrazione con orgasmo oppure evitare per non correre un ipotetico e non dimostrabile rischio di abortire? A lei il calcolo del risultato. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo