Anonimo

chiede:

Gent.mi dottori, ho un problema riguardo sopratutto la mancanza di risposte da parte del mio ginecologo che oltretutto è spesso fuori città e quindi poco raggiungibile. Spero che possiate aiutarmi voi in questi miei dubbi. Ho 35 anni e sono alla prima gravidanza. Ieri, ho effettuato una
ecografia di controllo in quanto ne avevo effettuata una di routine
(flussimetrica) alla 31^ sett. dove avevo dei parametri leggermente
sballati
sopratutto del liquido amniotico AFI 22.1, collo di utero 11mm e cordone
ombelicale intorno al collo del piccolo;per il resto nella norma. Il mio
ginecologo mi ha consigliato di ripetere l’eco alla 34^ sett. per tenere
sotto controllo il liquido amniotico, e di ripetere anche la Glicemia che
però è risultata bassa, 69. Questo l’esito dell’eco di ieri 34^+1: DBP
9.1,
C.C. 31.9, FEMORE 6.5, con valori testa a 90°centile e CA al 5° centile,
peso stimato kg 2.280, liquido amniotico aumentato AFI 27.6, altre
misurazioni regolari che salto, valore dell’arteria ombelicale al 75°
centile, raccorciamento collo utero 18mm. Ho chiesto sia al medico che mi
ha
fatto l’eco,che al mio ginecologo,solo telefonicamente,visto che è fuori
città, di spiegarmi perché la circonferenza addome è inferiore ai centili
standard e sopratutto perché il liquido amniotico aumenta sempre di più,
ma
entrambi glissano. Devo preoccuparmi? Sopratutto, perché l’addome del mio
piccolino ritarda a crescere? Alla 34^ sono aumentata di 8,7 Kg, e dalle
analisi risulta una carenza di anticorpi, il resto è abbastanza regolare, e
sopratutto, l’indice AFI di 27.6, scongiurata la possibilità di un diabete
gravidico, da cos’altro può dipendere, anche vista la vicinanza al momento
del parto che a causa del collo dell’utero accorciato forse avverrà in
anticipo? Lo so che le domande sono molte e la lettera è lunga, ma vi
prego
di darmi qualche risposta anche su dati generici, ma che sono sicura mi
tranquillizzeranno nei limiti del possibile. Grazie anticipate.

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Cristina,
per darle una risposta affidabile dovrei poterla esaminare in prima persona
e vedere le sue ecografie precedenti. Bisogna stabilire se la datazione
della gravidanza è corretta; stabilire se l’addome è inferiore al 25°
percentile per l’epoca effettiva ed escludere tutte le possibili cause del
polidramnios e cioè dell’aumento del liquido amniotico. Il diabete
gestazionale o anche solo potenziale è solo una delle possibili spiegazioni.
Il divario fra testa e addome potrebbe essere dovuto ad una testa del feto
un po’ grossa, il che non è cosa rara, specie se anche i genitori ce l’hanno
così. Oppure può effettivamente esservi una insufficienza placentare e un
difetto di accrescimento fetale. Come vede le ipotesi sono molteplici e
bisogna verificarle una per una, paziente e strumenti alla mano. Ed è quello
che le consiglio di fare al più presto con uno specialista disponibile di sua
fiducia nella sua città. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo