Annessite | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Salve, ho 29 anni e un bimbo di 4, nel mese di Agosto ho avuto un aborto spontaneo e dal mese successivo con mio marito proviamo ad avere un secondo figlio. Premetto che ho un utero setto e che nel mese di settembre il ginecologo mi ha riscontrato un’annessite all’ovaio destro, ho preso l’antibiotico e l’antinfiammatorio zitromax e flaminase ma non mi è passato nulla. Ho rifatto la visita nel mese di gennaio e l’annessite non mi era passata, così ho rifatto l’iter di prima, ma ancora ora accuso dei dolori quando ovulo. Ora mi chiedo se è questa la causa del fatto che non riesco a rimanere incinta, oltretutto avendo un utero setto il medico mi ha sconsigliato di fare cure ormonali per aumentare la fecondità? Cosa posso fare?
Cordiali saluti e grazie

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile signora,
premesso che la diagnosi di annessite va confermata con riscontri ecografici e, se possibile, laparoscopici, in quanto può confondersi con altre situazioni patologiche dello scavo pelvico, il dolore ciclico a metà fra una mestruazione e l’altra può testimoniare la presenza di una regolare apertura follicolare (colica ovulatoria) che non necessita di terapia antibiotica e forse neppure antiinfiammatoria. Vista la sua giovane età ed il tempo relativamente breve di ricerca di un concepimento, le consiglierei di provare ancora a rimanere incinta spontaneamente nei prossimi sei mesi e solo in caso di insuccesso (ed escluso che l’utero setto non meriti una correzione chirurgica) di intraprendere un percorso di procreazione medicalmente assistita presso un Centro con adeguata esperienza in merito. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo