Placenta

La placenta umana è un organo deciduo, ovvero temporaneo, che si forma nel corso della gravidanza. La sua generazione avviene nell'utero ed è l'organo responsabile degli scambi metabolici fra la madre e il feto, nonché della protezione del  futuro bebè.

featured image trend
featured image trend

condivisioni & piace a mamme

La placenta è comune sia al piccolo che alla futura mamma e possiede una forma discoidale, aderisce alla parete dell'utero e al suo interno confluiscono i vasi sanguigni materni e quelli fetali. Il sangue dei due, però, non entra direttamente in contatto e lo scambio di nutrienti e ossigeno ha luogo mediante la tenue membrana nota con il nome di "barriera placentare". Una porzione della placenta -detto "decidua"- ha origine dall'endometrio uterino, la restante parte invece viene creata dal feto stesso a partire dai villi coriali, prolungamenti ricchi di capillari che prendono forma dallo strato più esterno delle cellule dell'embrione. La funzione dei villi coriali è quella di assorbire il nutrimento e l'ossigeno ceduto dal sangue materno e liberare l'anidride carbonica e gli altri scarti generati dai processi metabolici del feto. Madre e placenta sono direttamente in contatto mediante le lacune sanguigne, sacche colme di sangue, dalle quali attingono i villi coriali. La placenta e il feto, invece, sono collegati fra loro dal cordone ombelicale (detto anche "funicolo ombelicale"). Il cordone è formato da una sostanza dalla consistenza gelatinosa, detta gelatina di Wharton, nella quale scorrono una vena e due arterie ombelicali: la vena conduce il sangue ossigenato e carico di nutrienti al feto, le arterie trasportano cataboliti e sostanze di scarto. La placenta ha un ruolo cruciale per il benessere e lo sviluppo del bambino in quanto ricopre le funzioni di polmone (gestendo gli scambi gassosi), di rene (depurando i liquidi corporei fetali), apparato digerante, regolazione ormonale, protezione immunitaria contro agenti patogeni e schermo verso sostanze potenzialmente dannose assunte dalla madre. Vi sono diverse patologie e complicanze che possono interessare la placenta. Fra le più temute troviamo il distacco intempestivo di placenta, ovvero la separazione della placenta dall'utero prima del momento del parto. Altre due occorrenze comuni che rappresentano casi di emergenza ostetrica consistono nella placenta previa e nella placenta aderente o accreta.

Ginecologo

Perdite di liquido, come distinguere se urina o liquido amniotico?!

Buongiorno, Oggi a mezzogiorno mi è capitato un fatto alquanto insolito e volevo rassicurarmi. Premetto che sono incinta alla 10+5 settimane, sono a riposo da 4 settimane per un lieve distacco e sto assumendo del progesterone in ovuli. Solitamente da quando prendo il progesterone vedo perdite bianche che ho imputato allo sfaldamento dell’ovulo. Oggi ero […]

risponde
avatar

Dott. Salvatore Annona

Ginecologo

Posso rimanere incinta con le ovaie micropolicistiche?

Gentile dottore, ho le ovaie micropolicistiche e vorrei rimanere incinta. Siccome però ho il ciclo in ritardo dai 3 ai 4 giorni, anche dai 5 ai 7, si può rimanere incinta? Grazie

risponde
avatar

Dott. Nico Comparato