28/11/2014
Registrati alle settimane di gravidanza

La gravidanza

Nausea in gravidanza


La nausea è uno dei più diffusi tra i disturbi associati alla gravidanza, tanto che secondo alcune statistiche, interesserebbe tra il 70% e l'85% delle future mamme, specialmente al primo figlio. La nausea compare in genere fra la sesta e la settima settimana di gravidanza. Di solito è più forte al mattino e, nei casi peggiori, è accompagnata anche da episodi di vomito, più o meno frequenti, ma ciò non rappresenta una regola: c'è chi ne soffre per tutto il giorno e chi solo quando lo stomaco rimane vuoto per diverse ore.

A causare il disturbo contribuiscono diversi fattori: innanzitutto gli alti livelli di gonadotropina corionica (Beta HCG), l'ormone della gravidanza, e quasi certamente anche una sovrabbondanza di estrogeni. In alcuni casi la nausea può essere dovuta alla carenza di alcune vitamine (in particolare la B6). Infine, secondo alcuni, potrebbe trattarsi anche di una reazione psicologica, di una specie di disagio irrazionale della mamma nei confronti della gravidanza stessa.

Di solito si risolve in modo spontaneo entro e non oltre la fine della 14ma settimana di gravidanza. Solo in casi molto rari può proseguire per un periodo più lungo.


Quando la nausea è su livelli tollerabili, può essere sufficiente fare attenzione a non lasciare mai lo stomaco vuoto per troppo tempo, mangiando biscotti secchi, grissini o crackers tra un pasto e l'altro. Sono consigliabili, inoltre, pasti leggeri e frequenti, evitando cibi troppo grassi ed elaborati.

A volte risulta essere efficace anche sorseggiare bibite gassate come ginger, acqua tonica o limonata, dal gusto tendenzialmente aspro o acido. Di recente è stato scoperto che anche lo zenzero ha un buon effetto antinausea.


Ci sono casi in cui nausea e vomito rendono quasi impossibile mangiare, e questo provoca perdita di peso e carenze nutrizionali. Nei casi più gravi, il medico potrebbe prescrivere alla gestante farmaci blandi antiemetici, da assumere però solo sotto il suo stretto controllo, in associazione ad una dieta ben equilibrata con pasti leggeri e consumo al mattino di pane tostato e biscotti.


Infine per la cura della nausea gravidica è spesso indicato anche il ricorso all'agopuntura.

Indice della rubrica