Sponsorizzato da

C’è chi vive tutto il periodo della gravidanza ammirando con orgoglio le proprie chiome, lucenti e forti come mai prima. Di contro, molte donne non percepiscono alcun cambiamento sui capelli mentre sono incinte ma anzi, cominciano a subirne la caduta sin dai primi mesi di gestazione. Tante, infine, vivono il periodo dopo il parto guardando la spazzola con sgomento, per via dell’ingente quantità di capelli che vengono persi in questa delicata fase ormonale. 

Non si tratta quasi mai solo di una questione estetica, ma di un fenomeno che tocca le delicate corde dell’equilibrio psico-fisico di chi partorisce. Vedere i capelli cadere in grandi quantità può far male, generare vergogna e imbarazzo. 

Prova subito i prodotti 100% naturali di SanaExpert Codice sconto SANAPEOPLE20 per il 20% di sconto Acquista ora!

Per questo la parola chiave non è tanto minimizzare il problema quanto accettarlo e trovare dei rimedi adeguati per contrastare la caduta dei capelli.

Secondo diverse ricerche, sebbene i ricercatori siano concordi nell’affermare che sia difficile trovare una causa univoca alla perdita di capelli dopo il parto (nota anche come ​​defluvium o effluvium post-partum o alopecia post-gravidica), l’allattamento influisce non poco sul fenomeno. Il latte della mamma è ricco di nutrienti per il neonato, ma in questo passaggio virtuoso c’è un flusso di sostanze che servono al piccolo come a chi lo nutre, a cui il corpo della donna, si può dire in chiave divulgativa, ‘rinunci’ per dare maggiore a beneficio al bambino. 

Per questo l’integrazione diventa fondamentale: Natalis Lact di SanaExpert è l’integratore 100% naturale ideale per le mamme in allattamento. Oltre a fornire un equilibrato apporto nutrizionale nel periodo post-parto sia per la mamma che per il neonato, questo integratore cruelty-free, gluten-free e senza lattosio rappresenta un amico fondamentale per rendere i capelli più forti, oltre che per sostenere la ripresa della mamma e aiutarla a reintegrare ciò che ha perso durante il parto e in allattamento, in abbinamento a una alimentazione sana e varia.

Perdita capelli post parto: cosa sapere, dalle cause ai rimedi dermatologici

Perché dopo il parto i capelli cominciano a cadere copiosi?

La nascita di un bambino è un evento di grandissimo impatto non soltanto sulla famiglia che lo accoglie ma anche sull’equilibrio della persona che lo porta in grembo per 9 mesi e poi lo dà alla luce. Fattori psico-fisici che si alterano e i cambiamenti del corpo che si assesta dopo il parto possono rendere ancora più complesso il periodo che segue l’arrivo di un bimbo nel mondo. Non ultima, la perdita di capelli che spesso si associa al post-partum, spesso può diventare una fonte di preoccupazione, di vergogna e di stigma per chi la subisce e cerca di individuarne le cause prima che i rimedi. 

Ricerche e studi autorevoli sul tema imputano agli ormoni ma anche al trasferimento di nutrienti nel latte materno da mamma a neonato una delle principali cause dell’indebolimento del fusto, che porta alla caduta dei capelli spesso anche massiva. Secondo l’approfondimento “Alterations in Hair Follicle Dynamics in Women” pubblicato sulla rivista scientifica BioMed Research International, a generare questo effluvio di capelli nel post-parto è anche un cambiamento nella vascolarizzazione del cuoio capelluto, altrettanto investito dai cambiamenti che il corpo ha subito in gravidanza e subito dopo. L’aumento di prolattina (i cui valori crescono a dismisura in allattamento), contribuisce inoltre ad accelerare la loro caduta.

Per questo anche le donne che hanno vissuto l’esperienza dei capelli perfetti in gravidanza, potrebbero invece risentire della caduta o del loro indebolimento subito dopo il parto: le fasi di vita, caduta e rinascita del capello, assolutamente fisiologiche in altri periodi della vita, subiscono ora delle variazioni. In particolare:

La fase anagen

Questa è la fase in in cui il capello si forma e cresce, variabile da persona a persona nel corso della vita. In gravidanza la fase anagen subisce l’influsso degli estrogeni, che la allunga (rendendo di fatto i capelli più folti, belli e lucenti); la prostaciclina prodotta dalla placenta inoltre, permette una maggiore irrorazione dei vasi sanguigni che sono nel cuoio capelluto. A tutti gli effetti la gravidanza e le sostanze o gli ormoni che circolano nel corpo durante la gestazione nutrono a fondo il capello, amplificano da un punto di vista temporale la sua principale fase di crescita.

La fase catagen

Della durata di due settimane, questa fase lascia in un limbo la crescita del capello, che si arresta e, allo stesso tempo, non si stacca neanche dal bulbo pilifero.

La fase telogen

L’ultimo step legato al ciclo di vita del capello è, appunto, la sua caduta. La fase telogen rimette in circolo il flusso virtuoso che porta alla nascita fisiologica dei capelli (anagen, catagen e, appunto, telogen) e dura circa 4 mesi. Dopo la gravidanza però, il crollo dei valori di estrogeni influisce sul processo: i follicoli da cui nascono i capelli passano direttamente in fase telogen, generando quello che viene chiamato “effluvium post-partum” o, in casi di caduta più massiva, “alopecia post-gravidica”.

Ashley Graham e la perdita di capelli post-parto: "È stato traumatico"

Preparare i capelli alla gravidanza

Chi cerca una gravidanza usa il periodo preparatorio al concepimento per trovare il baricentro del proprio benessere e della propria salute. In questo modo il corpo arriva nelle migliori condizioni possibili al momento in cui si scopre il test positivo. Questo percorso individuale (e non sempre attuabile, visto che non tutte le gravidanze sono prevedibili) punta sull’integrazione per assestare il corpo sui futuri assetti legati alla gestazione. Un primo passaggio è l’assunzione di acido folico almeno tre mesi prima del concepimento (quando la gravidanza è, appunto, programmata).

Per limitare la caduta di capelli post-parto e contribuire al loro rafforzamento, è un’ottima mossa quella di abbinare a un’alimentazione equilibrata che integra tra le altre cose i fondamentali acidi grassi Omega3 DHA anche l’uso di prodotti naturali ricchi di vitamine, sali minerali, acidi e sostanze nutritive.

Curare il capello in gravidanza

In gravidanza il corpo ha quindi bisogno di un aiuto per reintegrare alcuni nutrienti e in questo gli integratori sono grandi alleati. Durante l’attesa è indicato dunque l’utilizzo di Haar Forte di SanaExpert: per sostenere il riavvio fisiologico del ciclo di vita del capello dopo la gravidanza, il corpo della mamma ha bisogno di alcune sostanze fondamentali contenute in questo prodotto 100% naturale. Haar Forte di SanaExpert ha tra i suoi ingredienti principali il miglio perlato (ricco di acidi silicici, minerali e vitamine); il selenio; lo zinco; l’acido pantotenico; e infine la vitamina B5 e la biotina. Sono tutti ingredienti che favoriscono il rafforzamento del capello e lo preparano alla gravidanza, oppure lo sostengono durante e dopo la gestazione.

Ecco quali sono gli ingredienti che fanno bene ai capelli e, indirettamente, anche al corpo (e al neonato) e i loro benefici.

La biotina

La biotina (Vitamina B7) agisce direttamente sugli strati di cheratina, rinforzandoli: associata allo zinco diventa un multivitaminico fondamentale per unghie e capelli. 

Il fieno greco

Il fieno greco ha invece proprietà naturali che rinvigoriscono i capelli e li setificano. I semi sono infatti pieni di mucillagini, che, a contatto con l’acqua, si dilatano fino a diventare una sorta di gel protettivo. Nei semi di lino, altrettanto utili per i capelli, le mucillagini abbondano così come nei semi di fieno greco. 

Gli acidi grassi Omega-3 DHA

Favoriscono il sostentamento della mamma post-partum integrando le vitamine di cui ha bisogno. Inoltre favoriscono la corretta idratazione del capello, andando a nutrire direttamente i cheratinociti responsabili anche della crescita delle unghie. L’olio di pesce dal quale si ricavano gli acidi grassi omega-3 e DHA di Natalis Lact è ottenuto da una pesca sostenibile, in pieno rispetto della vocazione green dell’azienda tedesca.

Il finocchio 

Stimola la produzione di latte e aiuta a calmare il bimbo in caso di coliche.

L’acido folico

Aiuta la divisione cellulare per garantire la formazione del sangue e supporta la crescita del feto sin dalle primissime settimane.

Sebbene la caduta dei capelli nel periodo del post-parto possa generare preoccupazione, questa si esaurisce fisiologicamente dopo pochi mesi, una volta che il corpo si sarà riassestato su valori e ritmi simili a quelli del pre-gravidanza. Accelerare questo processo integrando sostanze utilissime per l’allattamento, per il benessere materno e del neonato e, non ultimo, per i capelli, diventa fondamentale per vivere meglio il periodo del post-parto non solo da un punto di vista fisico, ma anche da quello psicologico.

Articolo sponsorizzato da

SanaExpert produce e distribuisce integratori naturali per il benessere di corpo e mente. Tutti gli ingredienti che compongono gli integratori sono 100% naturali, senza glutine e lattosio. La produzione avviene in Germania e i prodotti sono tutti certificati dal Ministero della Salute Italiano. Sono adatti a tutti, uomini e donne, anche in gravidanza e allattamento.

Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie