"Quanti tipi di inseminazione artificiale esistono?"

Anonimo

chiede:

Salve dottore, ho 35 anni e cerco una gravidanza da due anni. Per ora nulla di fatto, non sono mai rimasta incinta. Sto cominciando a fare tutti gli esami per capire qual è il problema (anche mio marito) ma vorrei anche capire in anticipo in cosa consiste l’inseminazione: ne esistono di diversi tipi? E sarebbe bene preferire un metodo rispetto ad un altro? La ringrazio, ma sono molto confusa.

Salve signora, innanzitutto è necessario uno screening ormonale completo della donna, una valutazione secondo i criteri dell’organizzazione mondiale della sanità del 2010 del liquido seminale nonché appurare la pervietà tubarica. Alla luce di questi esami sarà poi indicato quale percorso intraprendere.

In termini di procreazione medicalmente assistita distinguiamo un primo livello e un secondo livello. Il primo livello consiste nella inseminazione intrauterina ovvero portare la donna ad avere un’ovulazione controllata e durante l’ovulazione inserire con un semplice cateterino sul fondo dell’utero il liquido seminale al fine di aumentare le possibilità di incontro tra gli spermatozoi e l’ovocita.

In caso invece dovesse avere ripetuti fallimenti con le tecniche di primo livello per tube chiuse o per problematiche del liquido seminale o per altre indicazioni poste dal collega della fertilità, sarà necessario passare ad una fecondazione in vitro. Tale metodica è la più tecnologicamente avanzata nonché quella che dà più possibilità di gravidanza in quanto la donna si sottopone a una stimolazione ovarica controllata che permette di creare molti follicoli, che verranno poi svuotati attraverso un ago in sala operatoria mentre la donna dorme in una sedazione profonda.

Successivamente le uova verranno fertilizzate con liquido seminale, verrà formato l’embrione e soltanto allora avverrà il transfer in utero. Indipendentemente quindi dal tipo di tecnica che dovrà affrontare e l’annesso percorso, consiglio sempre di rivolgersi allo specialista della fertilità al fine di perdere la minor quantità di tempo possibile poiché l’età della donna rappresenta per noi e per la coppia uno dei fattori più limitanti, e nel suo caso per fortuna siamo ancora in tempo.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo