Ovaio prolassato nel Douglas: sintomi e cura - GravidanzaOnline

Anonimo

chiede:

Ho 36 anni ed ho effettuato un’ecografia transvaginale dalla quale è risultato: ovaio destro prolassato nel Douglas di dimensioni aumentate per la presenza di una formazione cistica a pareti regolari e contenuto fluido denso di 47x31x42 mm da riferire in prima ipotesi a cisti endometriosica. Non falde fluide nel Douglas. A dicembre 2005 ho subito un intervento di raschiamento per un aborto spontaneo alla 7^ settimana.

Volevo sapere: l’intervento subito a dicembre potrebbe essere stato la causa? La ciste si può riassorbire con una cura ormonale, oppure sono costretta a fare un intervento classico con il taglio nella zona pelvica? La laparoscopia si può effettuare per cisti di queste dimensioni? P.S. ho avuto sempre cicli regolari della durata di 5 giorni, non dolorosi con flusso abbondante nei primi 2 giorni, fino all’intervento. Vi prego di rispondermi al più presto.

Redazione

Redazione

risponde:

Prima di intervenire chirurgicamente, sia per via laparoscopica, sia per via laparotomica, si può osservare per un breve tempo la cisti, fare tutti gli esami previsti e provare una terapia medica, per esempio per un paio di mesi. Questa è però una decisione che spetta al ginecologo o al centro che la segue, in quanto può valutare direttamente tutti i dati disponibili, cosa a noi impossibile, e stabilire così che livello d’urgenza c’è di intervenire o aspettare una risoluzione non chirurgica in tempi ragionevoli. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo