Anonimo

chiede:

Egr. Dottore,
intanto complimenti per la vostra interessante rubrica. Ho 35 anni e
mezzo, sono alla seconda gravidanza e ho effettuato l’ecografia del
3° trimestre alla settimana 31 + 4, vorrei capire se la biometria è
normale: DBP 77,2, DTC 37,1, CC 284,1, CA 274, LF 58,8, LO 48,9, PI 1,40 (0,53 1,02 1,51)
risulterebbe quindi un omero “indietro” di 2/3 settimane rispetto al
resto.
La stranezza è poi che questi sono i dati riportati dal medico a mano sul
referto cartaceo, mentre in due delle “foto” dell’ecografia c’è un HUM
53,7, però nella “foto” riassuntiva dove ci sono tutti i dati c’è un HUM 48,9.
Cosa vuol dire?
I dati dell’ecografia precedente (settimana 22) DBP 53,9, CC 197, DTC 21,6,
TRIGONO 7,2, DIAMETRO BIORBITARIO(?) 36,2, PLICA NUCALE 3,6, CA 170, LF 36,9
LO
33,5. È vero che un omero corto può essere indicativo di trisomia 21?
Grazie per la risposta e cordiali saluti.

Gentile Anna,
la misura dell’omero che mi riporta è soltanto ai percentili bassi e questo
può dipendere da fattori costituzionali, non necessariamente patologici. Il
discorso sulla sindrome di Down è molto più ampio. Arti corti possono
aumentare di un po’ il rischio individuale, ma per calcolarlo è necessaria
una valutazione globale, insieme con innumerevoli altri segni, ognuno dei
quali assume una sorta di punteggio. Ora volendo fare un esempio con numeri
a caso, con uno solo di questi soft marker si può ammettere che il rischio
di base di 1/350 potrebbe divenire di 1/320, il che non significa poi molto.
E in ogni caso è una valutazione che si fa fino al 5° mese, epoca in cui è
ancora possibile fare accertamenti ed eventualmente ricorrere ad un aborto.
Porsi questi quesiti a 31 settimane, significa solo rovinarsi la vita con
angosce inutili. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo