Anonimo

chiede:

Gentile Dottore, ho partorito alla 34 settimana di gestazione un bimbo a
seguito di rotture delle membrane, è stato effettuato un taglio cesareo a
distanza di circa 46 ore dalla suddetta rottura, dopo aver effettuato due
punture di cortisone per lo sviluppo dei polmoni del bambino e due dosi di
antibiotico, a distanza di poco meno di due giorni dalla nascita il
neonato è deceduto a causa della presenza di un’infezione “Sepsi”. Si
precisa che gli esami delle urine andavano bene così come il tampone
vaginale e rettale erano negativi, il bambino è nato di kg 2270, alla
nascita non è stato riscontrato alcun problema ma gli è stata
somministrata una dose di antibiotico, a distanza di circa due ore si è
manifestata la febbre e sono stati effettuati ulteriori controlli per
escludere eventuali malformazioni di organi interni, gli è stata inoltre
effettuata un trasfusione di plasma. Non riesco a capire da cosa sia stata
provocata questa sepsi, e se avrà delle conseguenze su eventuali
gravidanze future. Grazie e Cordiali Saluti.

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Signora, le cause di infezione delle membrane con rottura ed infezioni fetali possono essere varie, come pregresse manovre invasive, infezioni materne preesistenti, etc.
Prima di una nuova gravidanza, effettui un’ecografia addominale completa e transvaginale, esame del secreto vaginale a fresco e tamponi per tutti i tipi di germi obiettivabili, oltre ovviamente ad esami infettivologici generali. Nel caso in cui fosse tutto a posto, la problematica non dovrebbe ripetersi.
Un saluto

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo