Integratore alimentare a base di cranberry, può arrecare danni al feto? | GravidanzaOnLine

Giusi

chiede:

Salve,
sono alla 5/6 settimana di gravidanza, ho 37 anni.
Questo fine settimana, in seguito a dei fastidi riconducibili alla cistite, ho consultato il mio nefrologo che da anni segue i miei frequenti episodi, l’ho messo a conoscenza del mio stato di gravidanza e mi ha consigliato di assumere delle bustine di betberry, a base di cranberry, rassicurandomi di poterlo assumere in quanto un integratore naturale.
Quando ho poi sentito la mia ginecologa dicendole di aver assunto due bustine di questo farmaco, mi ha subito detto di sospenderlo perché controindicato in gravidanza!!! Ovviamente da qui la mia preoccupazione!
Vorrei sapere la gravità di questa assunzione e che tipo di problemi potrebbe portare al bambino.
Trascrivo di seguito le indicazioni del bugiardino: “Integratore alimentare a base di cranberry (vaccinium macrocarpum) titolato al 40% in proantocianidine (PACs 80mg), D-Mannosio e betaglucano. In caso di gravidanza e allattamento consultare il medico”.
Resto in attesa di gentile riscontro.

Gentile Giusy,
spesso questi integratori naturali sono sconsigliati in gravidanza non perchè sicuramente dannosi, ma solo perchè non sono stati effettuati sufficienti studi controllati e sperimentazioni per poterli considerare sicuri. Quindi le leggi impongono che ci sia questo avvertimento.
In ogni caso sempre meglio evitare terapie non strettamente necessarie, specie al primo trimestre di gravidanza.
Quindi personalmente non prevedo danni, ma al tempo stesso provveda in altro modo, bevendo molto e verificando che non ci sia una reale cistite da dover curare in maniera specifica.
Cordiali saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo