Dolore al fiancodurante la gravidanza e aborto - GravidanzaOnLine

Dolore al fianco sinistro e aborto, c’è una correlazione?

Anonimo

chiede:

Gentile Dottore, ho 37 anni e da un anno sto cercando di avere un bambino. In febbraio sono rimasta incinta e alla 5^ settimana di gravidanza (cioè dopo un ritardo di circa una settimana) mi sono venute le mestruazioni (più dolorose e abbondanti del solito). All’ecografia il ginecologo non ha rilevato nulla di anomalo e mi ha suggerito di continuare con la mia vita normale anche con riferimento alla ricerca di una gravidanza. Il mese successivo (cioè marzo) sono rimasta nuovamente incinta. Gli esami del sangue di routine apparivano normali. Al controllo ecografico svolto all’8^ settimana tutto appariva in ordine. La gravidanza era “in utero” e si poteva vedere benissimo il battito cardiaco. Alla 10^ ho avuto un aborto spontaneo senza necessità di raschiamento. Al controllo ecografico ripetuto in tempi diversi/successivi e da ginecologi diversi, l’utero è apparso pulito. Il ginecologo mi ha prescritto per 6 mesi una pastiglia al giorno di Primolut Nor da prendersi a cominciare dal 15° giorno dopo le mestruazioni per 15 giorni. Attualmente ho concluso il terzo mese di terapia. Non ho fatto esami successivamente agli aborti. Il mio problema è il seguente (al di là del grande problema dei due aborti): dai tempi della prima gravidanza avverto un dolore (delle fitte) al fianco sinistro che io avevo ricollegato alla gravidanza che stava procedendo male. Analogamente nella seconda gravidanza. Attualmente questo dolore è ancora in essere con fitte sporadiche che si intensificano quando prendo il Primolut e soprattutto quando mi vengono le mestruazioni. Nell’attesa di andare dal ginecologo e/o dal mio medico di base le chiedo cortesemente se questo dolore può avere un qualche collegamento alla sfera ginecologica, come io credo, oppure no. La ringrazio anticipatamente e mi scuso del lungo messaggio. Saluti.

Gentile Agnese66,
il dolore che descrive è troppo generico per collegarlo con precisione ad una possibile diagnosi. Faccia dei controlli generali del suo stato di salute e dei controlli ginecologici, fra cui il pap test, tamponi vaginali standard e specifici per chlamydia, micoplasma e ureaplasma, ecografia transvaginale ed eventuale isteroscopia. Attenzione al primolut-nor, in quanto è un progestinico controindicato in gravidanza; comunque è improbabile che sia all’origine dei suoi dolori. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo